Connect with us

Cinema

Cinema in piazza: i distributori bloccano le arene estive gratuite

mm

Published

il

La denuncia arriva dai ragazzi del Cinema America, realtà romana che da anni organizza proiezioni gratuite in diverse piazze della città. Un luogo di ritrovo, di riscatto, di riflessione. Per celebrare il cinema e la condivisione. 

View this post on Instagram

Cari amici, siamo sotto ricatto. Scriviamo questo appello per chiedere aiuto a ciascuno di voi. Ci stanno costringendo ad annullare la stagione estiva de Il Cinema in Piazza. Un’iniziativa che era sopravvissuta a Virginia Raggi nel 2018, alle aggressioni fasciste nel 2019 e quest’anno anche alla pandemia. Il motivo? La lobby dei distributori e delle catene di multiplex sta bloccando le concessioni dei film perché da tre anni vuole costringerci a rendere l’evento a pagamento. I protagonisti di questo attacco sono chiari e identificabili: l’ANICA, presieduta dall'ex sindaco di Roma ed ex Ministro dei Beni Culturali Francesco Rutelli, e l’ANEC, rispettivamente associazioni di categoria dei distributori e dei gestori di sale. ⠀ Di oltre 140 film richiesti alle case di distribuzione per programmare le rassegne a San Cosimato, Ostia e Cervelletta abbiamo ricevuto più di 120 risposte negative. Non ci autorizzano nemmeno i film di proprietà RAI di autori italiani! Tutti “no” ad offerte economiche pari o più alte rispetto all’usuale valore di mercato per la proiezione di quelle opere con proiettori DCI. Siamo senza film, costretti a chiedere il vostro aiuto per combattere questa battaglia. La prima cosa che vi chiediamo è di cliccare sul link nella nostra bio e di leggere questa storia per intero. ⠀ #cinemaamerica #ilcinemainpiazza #piccoloamerica #cinema #romaantica

A post shared by I ragazzi del Cinema America (@piccoloamerica) on

«Cari amici, siamo sotto ricatto». Inizia così la lettera fiume che I ragazzi del Cinema America hanno diffuso questa mattina sui loro canali social rivolgendosi al proprio pubblico. La battaglia è sempre stata nelle corde di questo gruppo di giovani che nel 2012, dopo aver salvato da chiusura certa lo storico Cinema America di Trastevere, hanno fondato l’omonima associazione ed hanno portato il cinema anche fuori dalle sale. Da San Cosimato fino ad Ostia passando per il Parco della Cervelletta,  I ragazzi del Cinema America hanno ricreato grandi arene gratuite, in cui ogni estate si sono ritrovate migliaia di persone di ogni età. Dibattiti, testimonianze e soprattutto moltissimi film hanno colorato luoghi di Roma spesso dimenticati, a volte infiltrati dalla criminalità. Restituendo alla città la bellezza del cinema, di cui tante volte è stata protagonista. Sfidando amministrazione locale ed istituzioni. Tutto questo però è a rischio.

ragazzi del Cinema America

I ragazzi del Cinema America e la denuncia a distributori e gestori delle sale cinematografiche

Il dito dei ragazzi è puntato contro la «lobby dei distributori e delle catene di multiplex» che stanno bloccando le concessioni dei film, accusando l’associazione Piccolo America di concorrenza sleale. Sì, perché peculiarità delle arene estive (quelle romane come quelle in tante altre città italiane) è proprio la gratuità delle proiezioni, che ha in qualche modo riavvicinato la cittadinanza al cinema. Poco importa, come hanno giustamente indicato i ragazzi nella loro lettera, che i film proiettati nelle piazze abbiano concluso il periodo di sfruttamento commerciale in sala. E che pellicole (bellissime) degli anni ’70 non possano mettere in crisi i guadagni al botteghino delle nuove uscite. Un pretesto, quindi, quello utilizzato dai distributori e dai gestori delle sale cinematografiche tutelati dalle rispettive associazioni di categoria, l’ANICA (che ha già controbattuto alla denuncia del Piccolo America con una nota) e l’ANEC, per fare ostruzionismo a questo progetto di servizio pubblico. Lasciandolo letteralmente senza film da proiettare.

ragazzi del Cinema America

A rischio le proiezioni estive all’aperto in tutto il Paese

L’altra accusa dei distributori cinematografici agli organizzatori delle arene estive è quella di usufruire di sovvenzioni pubbliche. Anche su questo tema I ragazzi del Cinema America hanno risposto puntualmente. Non solo sollevando i conflitti d’interesse che pendono sugli accusatori, anch’essi beneficiari dei finanziamenti (Luigi Lonigro su tutti, direttore di 01Distribution, casa di distribuzione Rai, nonché rappresentante di ANICA). Ma anche spiegando, numeri alla mano, come la loro attività produca introiti per tutta l’industria cinematografica. Perché i film, anche quelli datati ma non per questo meno preziosi, il Piccolo America li paga ogni estate. Per riempire le piazze, le città, le spiagge ed i luoghi abbandonati di immagini, musica e persone. Per restituire un servizio ai cittadini, creare cultura e confronto, spazi di condivisione troppo spesso trascurati in questo Paese.

A Roma come in ogni parte d’Italia (ad esclusione dei festival già in calendario), quest’anno rischiamo di non poterci regalare la visione di un film all’aperto, in compagnia, in sicurezza. Forse vale la pena di lottare insieme ai ragazzi del Cinema America.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *