Connect with us
Pacific Rim 2 Recensione Pacific Rim 2 Recensione

Cinema

Pacific Rim: La Rivolta – Recensione

Published

il

Le botte da orbi tra robottoni e mostri marini tornano per la seconda volta sul grande schermo con questo Pacific Rim: La Rivolta, seguito del film di Guillermo del Toro di cui non avevamo proprio bisogno.

Quando un film riscuote un discreto successo nelle sale, molto probabilmente riceverà dei sequel, anche se non era l’idea di partenza. Si sa, è una tacita regola di Hollywood. Questo Pacific Rim: La Rivolta ne è un esempio lampante. Il film di Guillermo del Toro del 2013 non si può dire fosse un capolavoro né tantomeno un buon film, ma spiccava rispetto alle controparti nel genere action ed è andato molto bene al box office. La storia poteva benissimo concludersi con l’idea sviluppata da del Toro, ma il denaro attrae più del buon senso. Ed è qui che nasce Pacific Rim: La Rivolta, ovvero uno dei prodotti cinematografici più insensati e forzati mai visti sul grande schermo.

Pacific Rim 2 Recensione

L’anello mancante

Iniziamo dal presupposto che la storia alla base di Pacific Rim non è mai stata né ha mai voluto ambire a una profondità o uno spessore di qualsivoglia tipo. Qui, però, superiamo di gran lunga la linea dell’incoerenza con l’opera prima e tocchiamo i punti più profondi dei buchi di sceneggiatura. Siamo dinanzi all’inutilità fatta film. Personaggi presenti nella pellicola precedente scompaiono senza lasciare traccia né essere nominati in alcun modo (e stiamo parlando del protagonista, non di quello che porta il caffè nella scena iniziale), spiegazioni vaghe cercano di coprire le voragini narrative in modo superficiale e raffazzonato, i personaggi hanno lo spessore di un cartoncino Bristol e i dialoghi rasentano la base dei peggiori film di serie Z. Ogni minuto che passa si vede svanire una parte di sceneggiatura, fino ad arrivare ad un finale che, infatti, non si meriterebbe questo nome. Però ricordiamoci che non siamo qui per seguire una storia ben scritta, ma per vedere robot mastodontici e mostri alieni fare a pugni fino alla morte. E pensate un po’, possiamo ritenerci fortunati se questi momenti rasentano il 40% del film. Paradossalmente, sono molti di più i momenti in cui si discute di passati tragici rispetto alla vera azione, ma quando questa arriva, picchia duro.

Salviamo il mondo, ma distruggiamolo nel farlo

Il film tecnicamente è all’avanguardia. Basando tutto il suo appeal sulla feroce lotta tra Kaiju e Jeager tra i grattacieli delle metropoli, non hanno badato a spese in quanto effetti visivi, all’altezza di ogni singola scena. Anche la regia non si comporta male, soprattutto durante le scene iniziali, per poi continuare su una linea pulita durante i combattimenti. Fotograficamente con questi film di rado si sbaglia La Rivolta non fa eccezione. Ciò che non va è, però, un elemento che con la tecnica c’entra ben poco. Questi scontri tra giganti si svolgono sempre in grandi città affollate di gente che scappa dai mostri, ma appena arrivano i buoni le strade diventano deserte. Non si capisce più se i “buoni” vogliano difendere o radere al suolo le città, in quanto non si fanno problemi a far crollare palazzi e ad usarli come armi. Quindi per tutto il film ci si chiede se sia rimasto effettivamente qualcuno da salvare o se siano tutti riusciti a rintanarsi nei bunker anti-kaiju, cosa che vediamo non accadere. A parte queste piccole incertezze, il film è molto scenografico e svolge in parte il suo lavoro, ovvero quello di mostrare combattimenti dalle colossali proporzioni.

Pacific Rim 2 Recensione

Pacific Rim: La Rivolta
2 Reviewer
0 Users (0 voti)
Pro
Gli ottimi effetti visivi
Alcuni elementi della regia e della fotografia
L'interpretazione di John Boyega, ma non sempre
Contro
Tutte le altre interpretazioni
La storia decisamente debole e a tratti inesistente
La sceneggiatura piena di buchi e insensatezze
La svogliatezza nel giustificare la realizzazione di questo seguito
Conclusioni
Pacific Rim: La Rivolta è sicuramente uno di quei film pensati solo per fare successo al botteghino. Ciò è evidente anche dal fatto che non abbiano cercato minimamente di collegare in modo adeguato questo film con il suo predecessore. Il loro intento era quello di mostrare due ore di combattimenti spettacolari tra giganteschi esseri, ma non sono riusciti neanche in questo. Dato che i personaggi passano la maggior parte del tempo a parlare, sarebbe stato carino aggiungere un po' più di corpo a ciò che stavano raccontando, diminuendo, magari, tutti quei tecnicismi spudoratamente inventati da un team di due persone sicuramente sottopagate. Questo è esattamente il motivo per cui Hollywood non dovrebbe sfruttare film la cui linea narrativa si è bella che conclusa. Tuttavia, intrattiene e intratterrà le masse che si approcceranno in maniera adeguata al film, ovvero lasciando il cervello a casa. Molti direbbero che contribuisce a creare cinema spazzatura, ma ogni film ha il diritto di essere considerato tale, bello o brutto che sia. Il cinema non morirà di certo per queste produzioni, anzi sono proprio queste che contribuiscono ad arricchirlo per creare qualcosa di più ponderato. Inoltre, sarebbe noioso e monotono il mondo cinematografico senza prodotti del genere. Volete mettere il divertimento che proviamo nel demolirli dalle fondamenta?
Voto
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *