Sundance 2020: svelati i titoli dei film in concorso — Gogo Magazine
Connect with us
Sundance Film Festival 2020, Locandina, Poster, Gogo Magazine Sundance Film Festival 2020, Locandina, Poster, Gogo Magazine

Cinema

Sundance 2020: svelati i titoli dei film in concorso

mm

Published

on

Per la gioia di tutti gli appassionati del cinema, il Sundance Film Institute ha finalmente svelato la lista dei titoli in concorso per l’edizione del 2020.

Sono stati annunciati i 118 lungometraggi (documentari inclusi) che saranno proiettati al Sundance, il tradizionale festival che avrà luogo nello Utah a gennaio. Questi 118 titoli sono stati selezionati su un numero record di 15.100 film in rappresentanza di 27 paesi. 107 di loro saranno anteprime mondiali. Degno di nota è anche il fatto che 44 lungometraggi sono opere prime di nuovi registi esordienti. Il festival del 2019, che ha visto 112 lungometraggi, ha attirato meglio di 122.000 partecipanti da 48 Stati Uniti e 35 altri paesi. Ha generato un’attività economica per lo Stato per 182,5 milioni di dollari, sostenendo più di 3.000 posti di lavoro a livello locale. Quindi, questa cosa è un grosso problema, anche se non sei un regista.

Grandi nomi popoleranno il festival del prossimo mese, tra cui Anthony Hopkins, Tessa Thompson, Ben Affleck, Benedict Cumberbatch e Ana de Armas. Tra i titoli più attesi del Sundance figurano sicuramente Tesla di Michael Almereyda, con Ethan Hawke nei panni del brillante inventore serbo/americano, e Ironbark, con protagonista Benedict Cumberbatch sulla crisi dei missili cubani. Anche Downhill, la commedia drammatica di Nat Faxon e Jim Rash con Will Ferrell e Julia Louis-Dreyfus sembra promettente (anche se si tratta di un remake), e, in linea con la tradizione del Sundance, film come Black Bear e Horse Girl saranno probabilmente gli outsiders dell’edizione da non perdere di vista.

Nine Days, Sundance, Film Festival, 2020, Gogo Magazine

Photo: Sundance

Sundance 2020 – Competizione film drammatici statunitensi

Presentandosi con 16 anteprime mondiali, il Concorso Drammatico offre ai frequentatori del Festival un primo sguardo sulle nuove voci innovative del cinema indipendente americano. I film che hanno debuttato in questa categoria negli ultimi anni includono The Farewell, Honey Boy, Clemency, Eighth Grade, Sorry to Bother You e The Miseducation of Cameron Post. Il 47% dei registi del Concorso Drammatico di quest’anno negli Stati Uniti sono donne; il 52% sono persone di colore; il 5% sono LGBTQ+.

The 40-years-old version (Regista e sceneggiatore: Radha Blank, Produttori: Lena Waithe, Radha Blank, Inuka Bacote-Capiga, Jennifer Semler, Rishi Rijani) – Una drammaturga newyorkese in crisi decide di reinventarsi e recuperare la sua voce artistica nell’unico modo che conosce: diventare rapper a 40 anni. Cast: Radha Blank, Peter Kim, Oswin Benjamin, Reed Birney, Imani Lewis, T.J. Atoms. Prima mondiale

BLAST BEAT (Regista: Esteban Arango, sceneggiatori: Erick Castrillon & Esteban Arango, produttori: Charles D. King, Poppy Hanks, Erick Castrillon, Ty Walker) – Dopo che la loro famiglia è emigrata dalla Colombia durante l’estate del ’99, un prodigio della scienza e il suo fratello minore deviante fanno del loro meglio per adattarsi alle nuove vite in America. Cast: Arie di Moises, Mateo Arias, Daniel Dae Kim, Kali Uchis, Diane Guerrero, Wilmer Valderrama. Prima mondiale

Charm City Kings (Regista: Angel Manuel Soto, sceneggiatori: Sherman Payne, Chris Boyd & Kirk Sullivan, Barry Jenkins, produttori: Caleeb Pinkett, Clarence Hammond, Marc Bienstock) – Mouse vuole disperatamente unirsi a The Midnight Clique, i famigerati bike riders di Baltimora che dominano le strade. Quando il leader di Midnight, Blax, prende il quattordicenne Mouse sotto la sua ala, Mouse si trova ben presto diviso tra il rettilineo e una strada piena di soldi veloci e violenza. Cast: Jahi Di’Allo Winston, Meek Mill, Will Catlett, Teyonah Parris, Donielle Tremaine Hansley, Kezii Curtis. Prima mondiale

Dinner in America (Regista e sceneggiatore: Adam Rehmeier, produttori: Ben Stiller, Nicholas Weinstock, David Hunter, Ross Putman, John Covert, Sam Slater) – Un punk rocker e una giovane donna ossessionata dalla sua band intraprendono insieme un viaggio inaspettato ed epico attraverso le decadenti periferie del Midwest americano. Cast: Kyle Gallner, Emily Skeggs, Pat Healy, Griffin Gluck, Lea Thompson, Mary Lynn Rajskub. Prima mondiale

The Evening Hour (Regista: Braden King, sceneggiatore: Elizabeth Palmore, produttori: Lucas Joaquin, Braden King, Derrick Tseng) – Cole Freeman mantiene un difficile equilibrio nella sua città rurale appalachiana, curando i vecchi e gli infermi e vendendo i loro antidolorifici in eccesso ai tossicodipendenti locali. Ma quando un vecchio amico torna con piani che stravolgono il fragile equilibrio e l’identità che ha creato con tanta fatica, Cole è costretto ad agire. Cast: Philip Ettinger, Stacy Martin, Cosmo Jarvis, Michael Trotter, Kerry Bishé, Lili Taylor. Prima mondiale

Farewell Amor (Regista e sceneggiatore: Ekwa Msangi, produttori: Huriyyyah Muhammad, Sam Bisbee, Josh Penn) – Dopo 17 anni di separazione, Walter, un immigrato angolano, è raggiunto negli Stati Uniti dalla moglie e dalla figlia adolescente. Ormai estranei assoluti che condividono un appartamento con una camera da letto, scoprono un amore condiviso per la danza che può aiutare a superare la distanza emotiva tra loro. Cast: Ntare Guma Mbaho Mwine, Zainab Jah, Jayme Lawson, Joie Lee, Marcus Scribner, Nana Mensah. Prima mondiale

Minari (Regista e sceneggiatore: Lee Isaac Chung, produttori: Dede Gardner, Jeremy Kleiner, Christina Oh) – David, un bambino coreano-americano di 7 anni, vede sconvolta la sua vita quando suo padre decide di trasferire la famiglia nell’Arkansas rurale e avviare una fattoria a metà degli anni Ottanta, in questa affascinante e inaspettata visione dell’American Dream. Il cast: Steven Yeun, Han Yeri, Youn Yuh Jung, Will Patton, Alan Kim, Noel Kate Cho. Prima mondiale

Miss Juneteenth (Regista e sceneggiatore: Channing Godfrey Peoples, produttori: Neil Creque Williams, Jeanie Igoe, James M. Johnston, Toby Halbrooks, Theresa Steele, Tim Headington) – Turquoise, ex reginetta di bellezza trasformata in madre single, prepara la sua ribelle figlia adolescente per il concorso “Miss Juneteenth”, sperando di non ripetere gli stessi errori della sua vita. Cast: Nicole Beharie, Kendrick Sampson, Alexis Chikaeze, Lori Hayes, Marcus Maudlin. Prima mondiale

Never Rarely Sometimes Always (Regista e sceneggiatore: Eliza Hittman, Produttori: Adele Romanski, Sara Murphy, Rose Garnett) – Un ritratto intimo di due adolescenti della Pennsylvania rurale. Di fronte a una gravidanza involontaria e alla mancanza di sostegno locale, Autumn e sua cugina Skylar intraprendono un viaggio coraggioso e faticoso attraverso i confini dello stato fino a New York City. Cast: Sidney Flanigan, Talia Ryder, Théodore Pellerin, Ryan Eggold, Sharon Van Etten. Prima mondiale

L’elenco completo di tutte le sezioni del concorso è disponibile sul sito ufficiale del Sundance Film Festival.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *