Connect with us

Gossip

Niccolò Bettarini viene dimesso: torna a scrivere su Instagram

Published

il

Dopo l’aggressione della settimana scorsa, Niccolò Bettarini è stato dimesso. Il figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini torna a scrivere su Instagram: “Sono un ragazzo fortunato e, mai come ora, sento veramente di esserlo”.

Niccolò Bettarini è finalmente tornato a casa e, dopo giorni di tensione, i suoi genitori, Simona Ventura e Stefano Bettarini, possono finalmente stare accanto a loro figlio.

Niccolò Bettarini

Niccolò Bettarini è stato aggredito nella notte di sabato 30 giugno, fuori dalla discoteca Old Fashion di Milano. Il figlio di Simona Ventura è stato preso di mira da un gruppo di dieci ragazzi, dopo aver tentato di difendere un suo amico. Quattro di questi ragazzi sono stati fermati, mentre per gli altri sei continuano le indagini. Niccolò Bettarini è stato ferito da undici le coltellate che gli sono state inferte al torace, al fianco, al braccio e alla coscia destra. Tutto ciò è avvenuto dopo che Bettarini Junior è stato preso a calci e pugni.

Niccolò Bettarini

Il ragazzo sembrava in pericolo di vita quando è arrivato in ospedale. Fortunatamente, poco dopo il popolo del web è stato rassicurato da Simona Ventura e Stefano Bettarini, i quali hanno affermato che le condizioni di loro figlio non erano assai critiche. Niccolò Bettarini è stato sottoposto a una delicata operazione e, oggi, è stato dimesso dall’ospedale di Niguarda, dove era ricoverato.

Niccolò Bettarini torna a scrivere su Instagram

Appena tornato a casa e dopo aver abbracciato la sua famiglia, Niccolò Bettarini ha voluto informare i suoi followers su Instagram circa le sue condizioni. Bettarini Junior ha postato una foto in cui appare in forze in ospedale, con solo il braccio fasciato.

Sul suo profilo Instagram, Niccolò Bettarini ha scritto:

“Sono un ragazzo fortunato e, mai come ora, sento veramente di esserlo, non solo per il fatto di essere qui a scrivervi questo post, ma anche perché so di avere degli amici che mi hanno salvato la vita.”

“Non sono mai stato bravo a raccontarmi. Ma, ora che sto migliorando, sento che sia giusto e doveroso dire diverse cose. Innanzitutto voglio in questo momento ringraziare la mia famiglia che mi è sempre stata vicino, nei momenti felici come in quelli brutti. Nessuno come lei ha saputo trasmettermi quella forza che mi ha permesso di non mollare mai. Sono un ragazzo fortunato e, mai come ora, sento veramente di esserlo, non solo per il fatto di essere qui a scrivervi questo post, ma anche perché so di avere degli amici che mi hanno salvato la vita. Sono cresciuto credendo nell’amicizia, è un valore fondamentale nella mia vita e farei qualunque cosa se degli amici fossero in difficoltà. Sarò sempre grato al pronto intervento dell’ambulanza e del trauma team dell’Ospedale Niguarda di Milano. Da questa esperienza esco più forte di prima, con la consapevolezza di aver rischiato tanto. Ringrazio, inoltre, la questura e le forze dell’ordine per il lavoro che stanno svolgendo. Grazie a tutti per l’affetto che ci avete dimostrato. Ricordate sempre di essere voi stessi ma soprattutto, ricordate chi siete”. Niccolò Bettarini

A post shared by Niccolò Bettarini (@mr_bettarini) on

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *