Connect with us

Gossip

Louis Tomlinson: Umiliato da Ash London manda a quel paese la presentatrice

Published

il

“Ash London ha intervistato ieri Louis Tomlinson ed a seguito di un commento poco carino si è scatenato il putiferio”

La conduttrice radiofonica Ash  London, ha scatenato in queste ultime ore un caos assurdo sul web e su tutti i giornali di gossip e musica britannici a seguito di un’intervista tenuta da lei all’ex membro degli One Direction, Louis Tomlinson.

Qualche giorno fa infatti la nota conduttrice radiofonica ha presentato un’intervista di Louis Tomlinson, attribuendogli una sorta di nomignolo che pare non si affatto andato giù nè a Louis nè alle sue fan. Ash London ha infatti insinuato che è il cantante fosse un cantante con i “ratty facial hair“, il cui significato letterale è “barbetta da topo” che allude tuttavia al fatto che Louis abbia una barbetta puerile ed incolta.

Come se non bastasse il collega di Ash le ha risposto dicendo che Louis Tomlinson non è il suo collega e compagno di gruppo Harry Styles e che in realtà Louis Tomlinson  è il membro meno famoso degli One Direction. Ciò ha creato un grandissimo caos e le directioners di Louis si sono schierate a difesa del cantante insultando Ash London come se non ci fosse un domani e minacciandola addirittura di morte precoce.

La conduttrice ha deciso così di rendere privato il suo profilo Twitter per qualche ora e dopo alcune ore é poi tornata spendendo bellissime parole per Louis Tomlinson,

il quale ha così deciso di risponderle con un delicato dito medio, mandandola a quel paese. Louis Tomlinson ha inoltre accompagnato il dito medio con il seguente messaggio riferito ad Ash London:

“Avresti potuto tenere il profilo privato più a lungo. Con affetto.”

Louis Tomlinson potrà anche non aver riscontrato lo stesso successo dei suoi colleghi (ex membri degli One Direction) o lo stesso successo di Harry Styles, ma comunque sà di poter sempre contare su un grande fandom che lo sosterrà e difenderà sempre a spada tratta qualsiasi cosa dovesse succedere.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *