Connect with us

Cinema

Un ritorno del Drive-in? Concerti e spettacoli ai tempi della pandemia

mm

Published

il

Se dobbiamo convivere con il coronavirus, allora è il caso di trovare soluzioni per fare musica, cinema e spettacolo. Da quest’idea è partito il progetto Drive-in, a cui hanno già aderito diverse città italiane. 

Drive-in

Un ritorno del Drive-in ai tempi del coronavirus

È un tuffo nel passato? No, probabilmente la costruzione del futuro. Se è vero che il mondo dovrà convivere con la pandemia e con l’emergenza sanitaria fino a quando non si troverà un vaccino (almeno un anno, dicono gli esperti), allora bisognerà trovare un modo per andare al cinema, ad un concerto, ad uno spettacolo in sicurezza. È questo il punto di partenza del progetto Drive-in, a cui hanno già aderito diverse città italiane. Milano, Roma, Firenze, Torino, Bologna, Napoli, Verona, Catania, Genova, Bari, Cagliari, Cosenza, Avellino, Olbia, Palermo: sono solo alcuni dei Comuni che vogliono tornare a coinvolgere i propri cittadini, farli stare insieme anche se a distanza, riportare l’arte al proprio posto, tra le persone. E non solo: elemento centrale del ritorno dei drive-in è sostenere la filiera dello spettacolo, messa in ginocchio dalla pandemia. La stima è che ci siano 300mila lavoratori del cinema, del teatro e della musica al momento disoccupati. Le perdite economiche sono di decine di milioni di euro ogni settimana.

Drive-in

L’urgenza di azione è evidente. E allora perché non unire, come si dice, l’utile al dilettevole? La necessità ed il romanticismo? Nell’immaginario collettivo il drive-in è l’America, la condivisione, il popolo, l’amore. Un luogo quasi mitico, nato per poter vivere il cinema all’aperto, e che il cinema ha raccontato molto spesso nelle sue immagini. Adesso, in un momento storico sconvolto dalla pandemia, il drive-in può diventare la soluzione per restituire alle persone concerti e spettacoli che, altrimenti, non potrebbero aver luogo. La distanza di sicurezza dovrà essere mantenuta infatti per qualche tempo. Il progetto Drive-in italiano è nato da un’idea di Utopia Srl, Zoo Srl, Italstage, e 3D Unfold. Tutte aziende leader nei rispettivi settori legati alla produzione, all’allestimento ed alla progettazione di eventi e spettacoli nel territorio del Paese. Scopriremo l’evoluzione del progetto, sperando di poterci riunire presto, anche se ognuno nella propria auto. Cerchiamo di vedere il lato romantico della cosa.

Laureata in Giurisprudenza, appassionata di cinema, vivo a Roma ma le mie radici sono a Rimini, città di Federico Fellini.

2 Comments

2 Comments

  1. Pingback: Il problema è davvero la privacy? — Gogo Magazine

  2. Pingback: Sunset Drive In: al via le proiezioni a Cinecittà — Gogo Magazine

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *