Connect with us
Jodie Comer è Villanelle/Oksana in Killing Eve 3x05, Gogo Magazine Jodie Comer è Villanelle/Oksana in Killing Eve 3x05, Gogo Magazine

Recensione

Killing Eve 3×05: Radici spezzate | RECENSIONE

mm

Published

il

Killing Eve punta l’obiettivo su Villanelle e si avventura nella campagna post-sovietica per uno dei suoi migliori episodi di sempre.

Nei suoi primi quattro episodi, la terza stagione di Killing Eve ha chiarito immediatamente le sue intenzioni. Questo nuovo ciclo di puntate sarà assolutamente senza limiti, sia nei ritmi che nelle scelte narrativi. Così, dopo un quarto episodio sconvolgente, la serie firmata BBC America si concentra su quello che da sempre è il suo personaggio più intrigante: Villanelle. In una puntata memorabile, Jodie Comer riesce ancora a stupire con un’interpretazione magistrale che entra a pieno diritto nella storia dell’amato show prodotto da Phoebe Waller Bridge.

Villanelle in Killing Eve 3x05, Gogo Magazine

Foto: BBC America

Festa della… Madre Russia

In occasione della festa della mamma, BBC America con grande astuzia manda in onda uno degli episodi più controversi e allo stesso tempo magnetici della sua serie di punta. Killing Eve finalmente torna a raccontare le origini di Villanelle, personaggio che da sempre nutre parte del suo fascino con il mistero che avvolge le sue origini. La sceneggiatura di Suzanne Heathcote, prima di proseguire con gli intrecci legati ai Dodici, sceglie di dedicare un’intero capitolo della storia alla spietata assassina che tutti gli appassionati dello show amano. Al centro della narrazione, tuttavia, c’è in realtà la sua identità di Oksana, nome che racchiude in sé tutto il suo passato in Russia. Villanelle, nel vivo di una fase estremamente confusa della sua vita, ha bisogno di fare chiarezza sulle sue radici avvolte dalla nebbia. Dopo aver ricevuto preziose informazioni da Konstantin nel precedente episodio, la protagonista torna in Russia dove trascorrerà alcuni giorni con la sua famiglia naturale. O quello che ne rimane.

Jodie Comer in Killing Eve 3x05, Gogo Magazine

Foto: Des Willie/BBCAmerica/Sid Gentle

Nel mezzo della campagna frutto della desolazione post-sovietica, Villanelle “prova” a vivere una quotidianità da Oksana. Al suo arrivo è accolta da una famiglia allargata costellata da personaggi a dir poco eccentrici. Dal terrapiattista al fratellastro ossessionato da Elton John il passo è breve e, agli occhi dello spettatore, la folle Villanelle non sembra più così folle. Il confronto con la madre naturale, tuttavia, aggiunge l’essenziale carica di tensione che da sempre costituisce la base dello show. È quindi immediato e naturale per lo spettatore interrogarsi sui possibili sviluppi del rapporto tra madre e figlia che sembra essere irrimediabilmente compromessa da scelte del passato. L’epilogo del faccia a faccia, come sempre, sarà inaspettato.

Killing Eve si mette in gioco

Con il rischio di consumare gli ultimi grammi di mistero intorno al suo personaggio più solido, lo show corre moltissimi pericoli, confermando ancora una volta la natura estremamente audace di questa terza stagione. Sulla carta, infatti, non era così semplice gestire un episodio come questo. L’introduzione di personaggi sopra le righe, totalmente fuori dagli schemi, poteva infatti facilmente condurre la storia in un terreno minato di stereotipi. La sceneggiatura di questo episodio, destreggiandosi nell’immaginario comune della Russia post-sovietica, gioca con grande soddisfazione con caratterizzazioni e situazioni al limite che potrebbero facilmente sfuggire al controllo. Questo non accade proprio grazie a un riuscitissimo mix di toni e sfumature.

Jodie Comer è Villanelle in Killing Eve 3x05, Gogo Magazine

Foto: Des Willie/BBCAmerica/Sid Gentle

L’aspetto più ironico di questo episodio, che finisce senza troppe esitazioni tra i migliori di Killing Eve, è da ricercare proprio nel suo coraggio di sbilanciarsi e di osare anche uscendo dalla sua struttura più classica. L’intera narrazione dedicata a Villanelle culmina infatti in un finale in cui proprio la protagonista sfonda solo con uno sguardo sfonda la quarta parete. In quel momento, nell’esatto istante in cui una strepitosa Jodie Comer fissa il legame con il suo pubblico, Killing Eve vince gioco e partita. La serie ha ormai messo completamente a nudo Villanelle, ne ha sviscerato le debolezze preparandola definitivamente all’ultimo atto della terza stagione. Ora la ragazza ha preso piena consapevolezza di se stessa, lasciando alle spalle le ceneri di Oksana.

Ogni dettaglio al posto giusto

Questo episodio ha ridefinito, ancora una volta, il ruolo di Villanelle in questa serie. Con una dimostrazione di maturità senza precedenti sia a livello di regia che di scrittura e interpretazioni, la quinta puntata della terza stagione valorizza la performance eccezionale di Jodie Comer, attrice che ha ormai staccato il biglietto per i grandi premi della prossima stagione. Gli eventi più recenti dello show si giocano sulle sue esplosioni di violenza, sempre più imprevedibili e spietate. Il prossimo e inevitabile passo è un nuovo incontro con Eve che sarà completamente diverso dai precedenti. Inutile dire, quindi, che l’attesa è semplicemente alle stelle per questo costante crescendo di qualità e intrattenimento!

Killing Eve 3x05
8.5 Reviewer
0 Users (0 voti)
Voto
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *