Connect with us

Curiosità Tech

Fuchsia OS: ecco come funziona il nuovo sistema operativo di Google!

Published

il

Fuchsia OS: da poco disponibile per il Pixelbook in una versione ancora acerba. Straordinarie le potenzialità del nuovo sistema operativo Fuchsia OS che, nei piani di Google, potrebbe diventare l’erede di Android.

Fuchsia OS è il nuovo e misterioso sistema operativo che Google sta sviluppando nei propri laboratori. Pink+Purple= Fuchsia. Un gioco di parole cromatico col quale Google ha alluso al nuovo sistema operativo unificato, che ha appunto nome in codice Fuchsia OS.  E’ un sistema di cui non si sa ancora ma in molti lo elevano addirittura ad essere l’erede di Android mentre altri lo reputano come un possibile nuovo Chrome OS. Di fatto l’azienda di Mountain View non ha ancora fatto sapere nulla a tal proposito anche se il sistema sembra essere in fase di test su alcuni dispositivi come i Google Pixelbook. L’unica cosa certa è che il sistema Fuchsia OS dovrebbe essere utilizzato da Google trasversalmente su tutti i dispositivi come telefoni cellulari, computer e tablet.

Il lavoro su Fuchsia OS è iniziato nella prima metà del 2016 e ha progredito a un ritmo costante. A differenza di una versione precedente di Fuchsia uscita a maggio del 2017, questa è in esecuzione direttamente sul Pixelbook piuttosto che mostrare un’interfaccia utente su Android. Di recente, Google ha aggiunto una nuova pagina su Github che spiega come installare il sistema operativo Fuchsia OS sul Pixelbook. Pixelbook è un laptop-tablet di fascia alta ed essere in grado di eseguire Fuchsia OS significa che il sistema operativo è pensato anche per laptop di fascia alta. Ciò significa anche che Google ha testato internamente il sistema operativo, sul Pixelbook.

Quindi, se vuoi provare questo sistema operativo Open-source, ora puoi farlo sul tuo Pixelbook. Le istruzioni sono facili da seguire e richiedono l’inserimento del Pixelbook nella modalità sviluppatore. Una volta che il dispositivo è in modalità sviluppatore, è possibile installare Fuchsia OS da un dispositivo USB. Poiché il nuovo sistema è stato progettato per funzionare sia su computer che su dispositivi portatili, è possibile eseguirlo in modalità “portatile” o “telefono”.

Iniziando prima con la schermata di blocco, vedrai l’ora al centro con un’icona più in basso a destra. Toccando questo si aprono scorciatoie per Wi-Fi, Login e Guest, ma per il momento tutti questi non sono abbastanza funzionanti.

    Fuchsia OS: ora si arriva alla schermata iniziale dove l’ora e la data, l’indicatore Wi-Fi e le informazioni sulla batteria sono presenti al centro dello schermo. Sotto c’è una barra di ricerca di Google e le schede di notifica per mostrare i compleanni dei contatti, quanto tempo ci vuole per raggiungere un ristorante, ecc. Quando si tocca il logo Fucsia in alto, si ottengono cursori di volume e luminosità, modalità aereo attivare, disattivare la modalità e bloccare automaticamente. Le app o le pagine Web aperte appaiono in alto e puoi spostarle come preferisci ed aprirle in modalità schermo condiviso.

Fuchsia OS ha la capacità di adattare l’interfaccia a seconda del dispositivo, tutto in maniera estremamente semplice. Basta infatti premere un pulsante affinchè la UI possa essere utilizzata sullo schermo di uno smartphone, di un tablet o di un laptop.

C’è ancora del lavoro da fare con l’interfaccia di Fuchsia OS. Anche così, il sistema operativo nel suo complesso ha funzionato in modo impressionante, considerando che si tratta di un progetto che non ha nemmeno due anni.

Google sembra dunque intenzionata a realizzare quella tanto agognata unificazione tra esperienza utente desktop e mobile. Una strada peraltro intrapresa anche da Microsoft attraverso la compatibilità di Windows 10 con i SoC ARM. La sensazione è che il futuro dei dispositivi mobili passi proprio attraverso questa unificazione.

Il sistema operativo Fuchsia OS è ancora nelle fasi iniziali e ci sono buone possibilità che molte delle cose che vedremo qui potrebbero cambiare nel momento in cui sarà pronto per le luci della ribalta. Anche così, è interessante dare un’occhiata a ciò su cui sta lavorando Google.

Possiedi un Pixelbook Google? Se sì, saresti aperto a provare il nuovo sistema operativo Fuchsia OS? Ti ricordo però che  l’installazione del sistema operativo cancellerà tutti i dati dal tuo laptop.

Cosa aspetti, prova anche tu il sistema Fuchsia OS e lascia il tuo commento. Non perdere altro tempo perché Google Fuchsia OS ti sta aspettando!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *