Connect with us
Switch-Off di WhatsApp. WhatsApp, App, Tech, Tech News, Gogo Magazine Switch-Off di WhatsApp. WhatsApp, App, Tech, Tech News, Gogo Magazine

Apps

Switch-Off di WhatsApp: ecco gli smartphone obsoleti

Published

il

Switch-Off di WhatsApp che nel 2018 renderà obsoleti numerosi modelli di smartphone equipaggiati con sistemi operativi non più compatibili con la famosissima app di messaggistica istantanea.

Una app che ha rivoluzionato il modo di concepire la messaggistica istantanea, WhatsApp è diventato uno strumento oltre che di straordinaria comodità, un elemento imprescindibile per milioni di utenti. In questo nuovo anno gli sviluppatori hanno annunciato un altro Switch-Off di WhatsApp che di fatto renderà obsoleti diversi smartphone, obbligando i possessori di questi ultimi ad acquistare un nuovo dispositivo compatibile.

Switch-Off di WhatsApp. WhatsApp, App, Tech, Tech News, Gogo MagazineDal primo gennaio 2018 dunque, per mano dello Switch-Off di WhatsApp, saranno inutilizzabili per la App di messaggistica istantanea tutti gli smartphone equipaggiati da BlackBerry OS, BlackBerry 10 e Windows Phone 8.0. Come già annunciato già nel 2017, gli sviluppatori avevano già deciso lo Switch-Off di WhatsApp che per questioni commerciali in favore dei consumatori, fu procastinato:”È stata una decisione difficile da prendere, ma quella giusta per fornire alle persone modi migliori per tenersi in contatto con amici, familiari e persone care attraverso WhatsApp” si legge nel comunicato di WhatsApp.

Inoltre, sempre gli sviluppatori fanno sapere che lo Switch-Off di WhatsApp non interesserà il Nokia S40 fino al 31 dicembre 2018 così come tutti i dispositivi che utilizzano Android 2.3.7 o versione precedente i quali potranno ancora godersi tranquillamente il piacere di restare in contatto con le persone a loro care fino al 1 febbraio 2020. Comunque sia fanno sapere che queste date di Switch-Off di WhatsApp potrebbero subire per i più svariati motivi delle variazioni e dunque non farci troppo affidamento come indicato nel loro comunicato:” dal momento che non svilupperemo più attivamente per queste piattaforme alcune funzionalità potrebbero smettere di funzionare in qualsiasi momento“. Questa è la filosofia di WhatsApp, ormai di proprietà di Facebook, che dal 2009 anno del suo lancio, ha continuamente migliorato il suo servizio per gli utenti introducendo ad esempio la crittografia end-to-end, elemento imprescindibile per garantire la massima sicurezza e privacy che necessita di sistemi operativi di ultima generazione.

 

Per restare sempre aggiornati sul mondo della tecnologia visita la nostra sezione su Gogo Magazine!

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *