Connect with us

RAI

Lino Banfi: “Facciamo tornare Nonno Libero”

Published

il

Il “nonno d’Italia”, Lino Banfi, questa mattina ha lanciato l’appello al direttore della Rai: “Facciamo un’ultima serie per salutare il pubblico”.

Durante Non Stop News, su Rtl 102.5, condotto da Pierluigi Diaco, Fulvio Giuliani e Giusi Legrenzi, ospite del programma, Lino Banfi, si è rivolto al direttore generale della Rai Mario Orfeo. E’ stato un vero e proprio appello lanciato con il cuore quello di “nonno Libero”, in diretta radiotelevisiva. Il suo intento è far tornare “Un medico in famiglia” nelle casa degli italiani. Ha affermato:“E’ vero che è una lunga serialità e alla fine senza una sceneggiatura valida rischi di non avere più nulla da dire. Ma facciamo un’ultima serie per salutare il pubblico”.

Lino Banfi, ha anche motivato questo suo desiderio. Ha spiegato: “quando incontro la gente per strada mi chiede perché non faccio più nonno Libero e crede che sia una mia volontà, che ho altro da fare e che non voglio farlo più”. Ma Banfi, ha tenuto a specificare che non è da solo a voler nuovamente vestire i panni di Libero Martini. A rivoler la serie ci sono anche Milena Vukotic, alias nonna Enrica e moglie di Libero, e Giulio Scarpati, alias Lele Martini e figlio di Libero. A loro si aggiungono tutti gli altri protagonisti della storica fiction di Rai Uno. Chissà se il direttore Orfeo accoglie questa richiesta e regalerà al pubblico l’undicesima stagione di “Un Medico in Famiglia”.

Ma Lino Banfi, non ha parlato solo di nonno Libero. L’ospite di Rtl 102.5 ha raccontato anche dei suoi rapporti con alcuni colleghi e personaggi dello spettacolo, facendo divertire il pubblico all’ascolto. Fedez l’ho conosciuto bene in questi giorni, abbiamo rappato per uno spot pubblicitario. Ha i tatuaggi sulla noce del capocollo, ma è stato molto carino, mi ha chiamato Maestro. Con Edwige Fenech (con cui ha lavorato in moltissime pellicole) ci vogliamo bene, abbiamo legato molto. Ma oggi posso confessarlo: nessuna in tutti questi anni mi ha molestato!”.

Nata il 15 marzo 1993. Sono laureata in Scienze Politiche e amo scrivere e incatenare parole tra loro. Sono convinta che la cultura e le passioni salveranno il mondo. La politica, la musica e il cinema sono i miei bagagli nel viaggio della vita. Sono certa che il giornalismo sia l'arte più nobile, se fatto con amore, generosità e responsabilità.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *