Connect with us

Game News

Tra Olimpiadi e corsi di laurea: scopriamo gli Esports

mm

Published

on

Da qualche tempo sembra che gli eSports siano diventati l’argomento del giorno: se ne parla in continuazione, fra esperti e semplici curiosi, e si sta persino discutendo se ammetterli alle Olimpiadi. Il CIO potrebbe dunque ufficializzare gli eSports come vere e proprie competizioni sportive, paragonandole di fatto a sport come il calcio o il basket. Ecco spiegato perché, al momento, si sta vagliando la possibilità di farli esordire alle Olimpiadi di Parigi del 2024. Non a caso, gli eSports si sono già avvicinato al mondo olimpico con un torneo di importanza mondiale che si è tenuto in concomitanza con i giochi invernali di PyeongChang, mentre il prossimo appuntamento ufficiale è per i Giochi Olimpici continentali del 2022 in Asia.

Gli eSports ufficiali anche in Germania?

Anche l’Europa è in fermento, e la discussione sugli sport elettronici sta finendo per coinvolgere tantissimi attori diversi. Questo accade in primo luogo per il discorso legato al riconoscimento degli eSports come competizioni sportive.
Per fare un esempio, attualmente anche la Germania sta pensando di riconoscere gli eSports come sport tradizionali. Se ne è discusso durante un incontro fra le istituzioni tenutosi l’11 di giugno. Si tratterebbe di una decisione dai numerosi risvolti, che legittimerebbe e spingerebbe avanti l’intero movimento.

Esports fra ufficialità e corsi di laurea

Le discussioni per il riconoscimento degli eSports come sport tradizionali è di grande rilevanza e attualità, ma non rappresenta comunque l’unica novità di rilievo. In attesa dell’ufficialità europea, infatti, c’è chi ha deciso di muoversi in anticipo per rispondere a questo movimento emergente. Parliamo nello specifico del Gaming Campus: la prima università europea per i futuri campioni di eSports, che sorge a Lione. Si tratta di un corso di laurea sorto da pochi mesi, ma già ricco di iscritti. I corsi proposti sono di due tipi: da un lato quello rivolto ai giocatori che desiderano diventare professionisti e avere successo nel mondo del gaming, dall’altro il corso per i futuri manager e talent scout.

Sport elettronici: di cosa si tratta esattamente?

Comprendere cosa sono gli eSports non è affatto complesso, dato che si tratta di vere e proprie competizioni sportive. Il fatto che siano elettroniche, però, richiede la necessaria aggiunta di ulteriori informazioni che chiariscano le dinamiche anche ai non addetti ai lavori. Gli sport elettronici, dunque, sono giochi che coinvolgono esseri umani e software. In pratica, la competizione si svolge su un determinato videogame e le sfide possono avvenire tra un giocatore e l’intelligenza artificiale o tra più giocatori. Lo scopo è vincere una gara o battere il record degli altri team: le squadre sono sponsorizzate da aziende famose, e i premi sono particolarmente ricchi. Si tratta di un mondo che, ovviamente, si fonda su una grande varietà di videogames disponibili. Basti pensare alla categoria degli sparatutto in prima persona come Halo e Call of Duty, giusto per citare quelli di ultima generazione. Altre categorie sono i picchiaduro, tra cui il classico Street Fighter, i simulatori di discipline sportive come il calcio, tra cui rientrano i più famosi FIFA e PES, o le competizioni di corsa, come MotoGP 2018. Tra i giochi più gettonati rientrano poi quelli di strategia, come Starcraft, e il sottogenere dei Multiplayer Online Battle Arena tra cui rientra il famoso League of Legends che con i suoi quasi 30 milioni di utenti connessi ogni giorno è il più diffuso al mondo.

Direttore editoriale di Gogo Magazine e co-fondatore del progetto. Co-conduttore del GogoPod e appassionato di storytelling fin da quando non sapevo cosa significasse.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *