Connect with us
resident evil resident evil

Game News

Resident Evil 2 oggi compie vent’anni!

Published

il

Resident Evil 2, il famoso survival horror che ha segnato una tappa importante nella storia di Capcom oggi celebra il ventesimo anniversario.

Era il lontano 1998 quando Resident Evil 2 fece la sua prima apparizione sulla console più rinomata di quel periodo: la PlayStation 1, in America, per poi arrivare a pochi mesi di distanza anche in Europa. Il secondo capitolo della saga di Resident Evil rimane ancora oggi uno dei più apprezzati della saga videoludica.

resident evil

Resident Evil è una serie che ad oggi conta 7 episodi, tutti in stile survival horror. Il primo venne distribuito in Giappone da Bio Hazard, e creato da Capcom; Nel 1996 arrivò sul mercato degli amanti della PS1 ed è stato successivamente portato anche su PC e Sega Saturn. Nel 2016 è approdato su PS4 e X-Box Resident Evil 7 che ha riconfermato il successo dei precedenti capitoli. Ogni storia della serie non è necessariamente collegata alle altre, sebbene alcune presentino degli elementi in comune. Le caratteristiche chiave di ogni episodio ponevano una trama in cui il protagonista era costretto a fronteggiare forze demoniache generate da esperimenti o poteri sovrannaturali.

resident evil

Se dunque siete amanti dell’horror ed avete apprezzato titoli come Silent Hill non potete non dare un’occhiata a questo prodotto.  Resident Evil 2 venne pubblicato in  America il 21 gennaio 1998, per poi arrivare in Giappone una settimana dopo, ed infine l’8 maggio dello stesso anno venne distribuito anche in Europa. Attualmente, a distanza di vent’anni, milioni di fan in tutto il mondo non vedono l’ora di saperne di più sul remake, una vera e propria riedizione in chiave moderna del gioco a cui la casa di produzione sta già lavorando da diverso tempo.     Ci si aspetta che nel corso del 2018, forse proprio in questi giorni, la produzione si pronunci in maniera ufficiale sullo stato del remake. Naturalmente non mancheremo di tenervi informati se queste supposizioni si rivelassero esatte.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *