Connect with us
festa del papà film festa del papà film

Approfondimenti

Festa del papà: 5 film consigliati da vedere assolutamente

Published

il

Ecco i cinque film più belli da vedere per la Festa del papà

Oggi è la Festa del papà, e quale occasione migliore se non celebrarla guardando un bel film a tema? In tempi difficili come questo, sia che abbiate vostro padre vicino, sia non, dedicarsi alla visione di un lungometraggio che omaggi questa figura genitoriale, è certamente un bellissimo modo per festeggiare.

Qui sotto, abbiamo selezionato 5 film iconici che meritano assolutamente di essere recuperati, oppure rivisti, durante questa giornata.

Mrs. Doubtfire

Mrs. Doubtfire è un film del 1993 diretto da Chris Columbus. Con Robin WilliamsSally Field e Pierce Brosnan, è liberamente ispirato al libro di Anne FineUn padre a ore. 

La storia racconta le vicende di Daniel Hillard, un doppiatore di talento che, però, ha perso il lavoro dopo un diverbio col suo capo. Sposato da 14 anni con Miranda, il rapporto con lei si fa sempre più teso, tanto che la donna arriverà a chiedere il divorzio, dopo l’ennesima litigata. Il giudice che si occupa del loro caso, assegna temporaneamente la custodia dei loro figli a Miranda, concedendo a Daniel di vederli soltanto di sabato. Senza possibilità di opporsi, l’uomo viene a sapere, però, che l’ex moglie è in cerca di una governante per badare ai ragazzi dopo la scuola, così decide – con l’aiuto dei suo fratello e di suo cognato, entrambi truccatori – di travestirsi da Mrs. Euphegenia Doubtfire per ottenere il lavoro.


Alla ricerca di Nemo

Alla ricerca di Nemo è un film d’animazione del 2003 co-scritto e diretto da Andrew Stanton e co-diretto da Lee Unkrich, prodotto dai Pixar Animation Studios 

Protagonisti sono Marlin e Nemo, due pesci pagliaccio, padre e figlio. Dopo che la madre di Nemo, Coral, ha preso la vita dopo l’attacco di un barracuda, prima che il piccolo nascesse, Marlin cresce il figlio nella preoccupazione che possa capitargli qualcosa di brutto.

Essendo nato con una pinna atrofica, questo non fa che aumentare l’ansia del padre. Il primo giorno di scuola, Nemo arrabbiato per una sfuriata del padre, come atto di sfida nei suoi confronti si addentra da solo in mare aperto per toccare con la pinna un motoscafo fermo in superficie. Mentre sta tornando indietro, viene però catturato da un subacqueo, che poi sale sul motoscafo e si allontana. Marlin, disperato e accecato dal flash della macchina fotografica del sub, tenta l’inseguimento ma la barca riesce ad avere la meglio su di lui. Sarà da qui che Marlin inizierà la sua corsa disperata alla ricerca del suo piccolo. 


Il re leone

Il re leone è un film d’animazione del 1994, diretto da Roger Allers e Rob Minkoff, prodotto dalla Walt Disney Feature Animation. 

Nelle Terre del Branco, in Africa, è appena nato il futuro re, Simba, figlio del sovrano Mufasa e SarabiIl fratello minore di MufasaScar, non si presenta volutamente alla cerimonia, perché geloso del cucciolo, in quanto lo scalzerebbe dalla linea di successione al regno. 

Mesi dopo, Simba è cresciuto, diventando un energico leoncino, sempre in cerca di nuove avventure. Mufasa lo porta così a visitare il regno, spiegandogli l’andamento del Cerchio della Vita. E facendogli capire quali siano le responsabilità di un re. Intanto, Mufasa non sa che Scar sta continuando a tramare alle sue spalle… 


Hungry Hearts

Hungry Hearts è un film drammatico diretto da Saverio Costanzo tratto dal romanzo Il bambino indaco di Marco Franzoso. Protagonisti, Adam Driver e Alba Rohrwacher. 

L’americano Jude e l’italiana Mina si incontrano a New York per una casualità: rimangono chiusi nel gabinetto di un ristorante cinese. Da lì, i due si innamorano e decidono di iniziare a vivere insieme. Poco dopo, Mina scopre di essere incinta, e nonostante avesse sempre evitato la maternità, dopo il consulto con una chiromante, si convince che il suo sarà un bambino speciale. Mina decide, quindi, di proteggerlo dall’inquinato mondo esterno e lo alimenta, per preservarne la purezza, esclusivamente con frutta e verdura da lei stessa coltivata in terrazzo. 

Inizialmente, Jude asseconda le scelte di Mina, come quella di affidarsi alla medicina alternativa, ma dopo qualche mese, consultato un pediatra di fiducia, si accorge che l’ossessione della donna sta danneggiando la salute del bambino, il quale non cresce a dovere a causa della denutrizione. 


Mi chiamo Sam

Mi chiamo Sam è un film di Jessie Nelson del 2001, interpretato da Sean Penn e Michelle Pfeiffer. 

Sam Dawson è un uomo sulla quarantina che lavora in una caffetteria e soffre di un ritardo mentale che non gli permette di essere alla pari con le altre persone; le abilità del suo cervello sono infatti quelle di un bambino di sette anni. È costretto a crescere sua figlia Lucy Diamond (chiamata così in onore della canzone Lucy in the Sky with Diamonds dei Beatles, la band preferita di Sam) da solo perché la mamma della bambina li ha abbandonati. Aiutato da un gruppo di amici e dalla vicina di casa Annie Cassell, Sam cresce sua figlia con affetto instaurando con lei un’intesa fuori dal comune, poiché la bambina guarda oltre lo stato mentale del padre e lo accetta per quello che è. 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *