Connect with us
Dumbo Dumbo

Cinema

Dumbo: recensione del live-action Disney diretto da Tim Burton

mm

Published

il

Tim Burton imprime il suo stile nell’adattamento in live-action di un Classico Disney che sembra fatto su misura per lui: la nostra recensione di “Dumbo”.

Esce nelle sale il 28 marzo il live-action Disney diretto da Tim Burton, “Dumbo” (guarda il trailer). L’adattamento dal vero presenta una trama rielaborata rispetto a quella del cartone animato, con numerosi protagonisti umani che accompagnano l’elefantino. Primi tra tutti Holt Farrier (Colin Farrell) e i suoi figli, ma anche un carismatico Danny DeVito ad interpretare Max Medici, l’artista circense Colette Marchant (Eva Green) e l’impresario V.A. Vandevere (Michael Keaton).

Nel live-action Disney Dumbo nasce da un’elefantessa di proprietà del circo di Max Medici, un’attività che sta attraversando un periodo di crisi. La nascita di un elefantino con le orecchie spropositatamente lunghe dapprima sembra non essere di grande aiuto, se non addirittura deleteria. Quando, però, si scopre che il piccolo può usarle per volare, l’attività di Medici riparte, attirando l’interesse di V.A. Vandevere.

Dumbo

Dumbo – Recensione del live-action Disney

Tra i personaggi che conquistano in “Dumbo” c’è sicuramente il Max Medici di un’eccezionale Danny DeVito, che soprattutto nella prima parte conquista il pubblico e ci fornisce una performance recitativa che, in determinati momenti, fa sicuramente sfigurare il più sobrio Colin Farrell. È vero che, per quanto interessante in quanto a potenziale, il suo personaggio è più che altro vagamente enunciato: è un peccato, dal momento che il suo percorso, se approfondito maggiormente, sarebbe potuto essere ancor più interessante. Un altro personaggio fortemente penalizzato, a tratti quasi accessorio, è quello di Colette Marchant (Eva Green). D’altro canto, al centro della scena troviamo Dumbo, non certo gli esseri umani! L’elefantino sembra uscito dalle due dimensioni del cartone animato. La sua tenerezza unica non manca di un certo grado di credibilità.

Dumbo

Le due fasi di Dumbo

Una prima parte di “Dumbo” si svolge con numerose analogie rispetto al Classico Disney, ad hoc per rendere felici tutti coloro che hanno amato l’elefantino di Walt. Alcuni richiami al cartone suscitano, come è facile immaginare a priori, un grado non indifferente di commozione. È quando sopraggiunge V.A. Vandevere che il film comincia ad assumere una piega e una personalità propria, con il tocco di Tim Burton che via via tende a farsi riconoscere sempre più prorompente. Resta comunque edulcorato qualsiasi aspetto cupo della trama, per un film che non si dimentica mai di essere pensato per un pubblico molto giovane oltre ai nostalgici. Anche fotografia e colonna sonora inseguono un duplice obiettivo: richiamare le atmosfere del 4° Classico Disney quanto rientrare nel vibe di Tim Burton, con l’immancabile Danny Elfmann che mette mano alle musiche.

Dumbo

L’evoluzione rispetto al film d’animazione del 1941

Rispetto al Classico Disney, il film di Tim Burton presenta dei rimaneggiamenti sulla trama non indifferenti… Ma soprattutto utili al livello di contenuto e sottotesto. Ci sono, ad esempio, cenni al problema dei mutilati di guerra e i problemi che effettivamente queste persone avevano vissuto dopo le Guerre Mondiali. Persone che tornando dalle sofferenze della guerra hanno perso la propria occupazione, trovano difficile inserirsi nel mondo del lavoro e, in generale, nella società.

Ma, soprattutto, viene fatto passare un messaggio chiaro per quanto riguarda lo sfruttamento degli animali da circo: quello del live-action di “Dumbo” è quindi uno sguardo più critico e razionale nei confronti di un’epoca che, quando era uscito il cartone animato, era attuale, mentre oggi è ormai di decenni addietro. Un’epoca in cui determinati problemi sul fronte dello sfruttamento degli animali non si ponevano affatto e la II Guerra Mondiale era in corso e le grandi masse avevano bisogno di distrarsi, senza pensarci quando si recavano in sala.

Un modo di arricchire la trama intelligente e quanto mai disneyano, dettato dall’esigenza di lanciare messaggi d’esempio per il grande pubblico. E questo risulta interessante e quanto mai adeguato, che sia o meno questa esigenza dettata dall’esistenza di un codice morale effettivo o dai richiami del Dio denaro.

Review 0
8 Reviewer
Users 0 (0 voti)
Pro
Connubio perfetto tra le atmosfere del Classico Disney e lo stile di Tim Burton.
Un divertentissimo Danny DeVito.
Interessanti elementi di variazione della trama rispetto al cartone animato.
Contro
Caratterizzazione superficiale di alcuni personaggi.
Conclusioni
"Dumbo" è un perfetto connubio tra l'elemento nostalgia a cui, si sa, puntano le trasposizioni in live-action dei Classici Disney degli ultimi anni, ma anche nuovi ed interessanti elementi di variazione, oltre alla personalità registica di Tim Burton. In questo modo il live-action potrebbe accontentare un po' tutti: da coloro che sono eternamente affezionati all'elefantino del cartone animato, a chi vuole ed esige un lavoro che non si limiti a percorrere sentieri già tracciati. La stessa conciliazione tra presente e passato avviene dal punto di vista tecnico, che combina l'innovazione degli effetti visivi a richiami nostalgici per colori della fotografia e temi della colonna sonora. Prodotto perfettamente studiato e pensato per tutti gli appassionati dell'elefantino Disney, ma anche dello stile di Tim Burton, è da non perdere, soprattutto se vi annoverate tra queste file.
Voto
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *