Connect with us

Gossip

Fabrizio Corona scarcerato, la fidanzata: “Abbiamo fatto l’amore come la prima volta”

La confessione della compagna dell’ex re dei paparazzi, uscito dal carcere pochi giorni fa: “Per lui niente interviste, niente social, niente mondanità e niente ristoranti”

Published

il

Neanche il tempo di riabbracciarlo all’uscita del carcere che per Silvia Provvedi è arrivato il momento di raccontare pubblicamente le emozioni provate per il ritorno in libertà del fidanzato Fabrizio Corona, che lo scorso 21 febbraio ha lasciato il carcere di San Vittore dopo 16 mesi di galera. La cantante, diventata popolare grazie a X Factor, dove gareggiò in coppia con la gemella Giulia, con la quale forma il duo Le Donatella, ha scritto una sorta di diario sul settimanale Chi, in edicola a partire da domani. Ecco alcuni stralci:

Da dove ricomincia Fabrizio? Da alcune privazioni, da altre soddisfazioni. Niente interviste, niente social, niente “mondanità”, niente ristoranti. Per lui si sono spalancate le porte di un centro di recupero: la comunità Alba di Bacco. All’interno dell’istituto, dove trascorrerà parte della sua giornata, potrà dedicare tre ore alla sua attività professionale, cioè potrà lavorare. Invece due volte alla settimana farà visita allo Smi, l’istituto che cura chi soffre di dipendenze.

La Provvedi, che con la sorella Giulia ha vinto L’Isola dei famosi nel 2015, ha polemizzato con i presunti amici del suo fidanzato:

Questa volta, quando Fabrizio è stato scarcerato, eravamo io, mia sorella Giulia, i fotografi e un suo amico. E gli altri amici? Tutti primi al traguardo del suo cuore, ma soltanto a parole.

Quindi, alcuni dettagli in merito a questioni più intime e al futuro di coppia:

Non chiedetevi se abbiamo fatto l’amore perché è stato come la prima volta. Le nozze? Per ora sistemiamo casa, magari la allarghiamo. La famiglia, vi starete chiedendo? Vedremo.

Vedremo anche se e quando arriveranno le prime dichiarazioni di Corona, che ha nuovamente l’occasione di ripartire e di mettersi alle spalle gli errori commessi.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *