Connect with us
Lady Gaga Lady Gaga

Gossip

Lady Gaga: arrestati i sospetti rapitori dei cani

mm

Published

il

Arrestati cinque sospettati

Ci sono nuovi sviluppi nella vicenda legata al rapimento dei cani di Lady Gaga avvenuto lo scorso febbraio a Los Angeles. Cinque persone sono state fermate e accusate del rapimento. Incriminati del reato, tutti e cinque i sospettati si sono dichiarati non colpevoli lo scorso giovedì.
Ed è anche alto il numero degli arresti effettuati nell’ambito del caso giudiziario che vede come protagonisti, loro malgrado- i tre bulldog francesi della pop star. Due di essi -lo ricordiamo- erano stati rubati in un violento alterco la sera del 24 febbraio. Nell’agguato, il giovane dog-sitter e amico della star era stato colpito a colpi di pistola e due delle tre bestiole erano state portate via dagli aggressori.

I fatti di quel tragico 24 febbraio

Erano più o meno le 21:40 quando il dog sitter, Ryan Fischer, che stava portando a spasso Koji, Gustav e Asia è stato raggiunto da quattro colpi di arma da fuoco. Il giovane collaboratore di Lady Gaga ha tentato in un primo momento ad affrontare i malviventi e a proteggere le bestiole, ma i fatti hanno preso una piega inspiegabilmente violenta. Colpito al petto, Ryan Fischer è stato ricoverato in ospedale e dopo le cure del caso fortunatamente si è ripreso. I due cani rapiti, invece, due giorni dopo sono stati rilasciati, incolumi.

Lady Gaga

fonte: Instagram.com

Chi sono i rapitori dei cani di Lady Gaga

La polizia statunitense ha fatto sapere che cinque persone sospettate sono stati posti in custodia. Si tratta di James Jackson e Jaylin White, di appena 18 e 19 anni, Lafayette Whaley, di 27 anni, Harold White, 40 anni e la cinquantenne Jennifer McBride. Jackson, Jaylin White e Whaley sarebbero stati coinvolti nella rapina e nella sparatoria, ha detto la polizia. Gli investigatori non credono che i malviventi stessero prendendo di mira la vittima perché sapevano che i cani appartenessero a Lady Gaga. Si sospetta infatti che i criminali avessero adocchiato i cani per il grande valore della razza. I bulldog francesi, infatti, sono una specie rara e ricercata che può essere venduta per diverse migliaia di dollari.

La traccia che ha tradito i rapitori

Tra le persone sospettate c’è la donna che dichiarò di aver trovato per caso i due cani rapiti appena due giorni dopo la sparatoria. Lady Gaga nel frattempo aveva offerto una ricompensa di 500 mila dollari a chi avesse riportato i suoi amati quadrupedi a casa. Dopo la restituzione dei due bulldog francesi, gli investigatori hanno scoperto i legami tra la donna e il padre di uno degli altri complici, arrivando ad accerchiare tutto il gruppo di sospettati.

Il processo

Giovedì scorso, il caso è stato presentato all’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Los Angeles. Jackson, Jaylin White e Whaley sono  stati entrambi stati di tentato omicidio e rapina. Harold White e McBride sono stati accusati di aver partecipato come complici e del tentato omicidio. Tutti e cinque i fermati si sono dichiarati non colpevoli, secondo quanto rilasciato dalle autorità. Tutti torneranno in tribunale il prossimo 11 maggio.

Lady Gaga, aspettando il lieto fine

Siamo certi che i cani non si sono segnati questa data sul calendario, ma saranno piuttosto ansiosi di riavere a casa la loro padrona, ancora per qualche giorno lontana da casa, alle prese con House of Gucci per la regia di Ridely Scott. Noi, invece, siamo contenti che sia tornata la serenità per una star tanto amata, nonché attiva in prima linea contro la violenza nonché impegnata in innumerevoli cause di beneficienza.

Si è laureata in Sociologia e lavora nel magico mondo del Cinema. Viaggiando, si è innamorata di tanti posti, ma alla fine ha scelto di tornare nella sua città natale, Roma. Scrive testi, articoli e soggetti cinematografici ed è attiva nella lotta per una società laica, inclusiva e senza barriere. Ha anche scritto un libro per bambini che parla agli adulti di inclusione, rispetto e amore.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *