Connect with us
ava-max ava-max

Musica

Ava Max: chi è la nuova promessa del pop mondiale?

Published

on

La sua “Sweet but Psycho” ha scalato tutte le classifiche mondiali. Scopriamo insieme chi è la nuova promessa del pop Ava Max.

Ava Max sta scalando le classifiche mondiali con il suo singolo “Sweet but Psycho”. Il brano è da quattro settimane in testa alle classifiche britanniche, al numero 1 su iTunes Italia e alla terza posizione dei brani più scaricati a livello globale. In Europa è al primo posto in quasi tutti i Paesi e negli Stati Uniti è stato inserito nella Top 40 di Billboard.

Tutti (o quasi) abbiamo sentito  nominare Ava Max e ascoltato il suo brano in radio. Ma sappiamo davvero chi si nasconde dietro questo nome d’arte? Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sulla nuova promessa del pop internazionale, erede di Lady Gaga.

Ava-max

Chi è Ava Max

Classe 1994, Ava Max, vero nome Amanda Ava Koci, è una ragazza venticinquenne americana di origini albanesi. I suoi genitori sono scappati dall’Albania prima che lei nascesse e sono emigrati in America per poter dare una vita migliore ad Ava e a suo fratello. Nata in Wisconsin e cresciuta in Virginia, Ava Max coltiva sin da piccola la passione per la musica, complice una voce che ha ereditato dalla madre cantante di Opera lirica. Inizia la sua carriera partecipando a diversi concorsi canori, ma la svolta avviene quando all’età di 14 anni, decide di trasferirsi in California. Qui incontra il produttore canadese Cirkut, pseudonimo di Henry Walter, che ha il merito di aver lanciato alcune tra le tracce musicali che hanno avuto più successo nell’ultimo decennio: “Roar” di Katy Perry, “Starboy” di The Weekend e “Wrecking Ball” di Miley Cyrus.

Nel 2018 Ava Max compare nelle classifiche radiofoniche con ben due collaborazioni importanti. Il primo featuring è con il DJ francese David Guetta in “Let It Be”, e il secondo con Jason Derulo e Vice in “Make Up”. Nello stesso anno firma il contratto con l’etichetta discografica Atlantic Records e pubblica due brani promozionali “My Way” e “Not Your Barbie Girl”. Il successo mondiale arriva però con il suo primo singolo “Sweet but Psycho”.

ava-max

Ava Max è sweet but psycho

“Sweet But Psycho” è stato pubblicato ad agosto 2018 e ben presto è diventata una hit mondiale. Scritta insieme a Madison Love, la canzone ha superato i 250 milioni di ascolti in streaming in tutto il mondo. Questa settimana è entrata nella Top ten dei singoli più ascoltati in Italia e sta scalando le classifiche radiofoniche.

Ava Max, nel suo brano d’esordio, racconta di una ragazza schietta e talmente “forte e indipendente” da mostrare il suo lato più oscuro. Il contesto è quello di una relazione di coppia, rapporto in cui ognuno dovrebbe mostrare tutti i lati del proprio carattere senza il timore di essere giudicato.

Il video di “Sweet But Psycho”, diretto da Shomi Patwary, continua su questo filone e racconta per immagini la storia di Ava Max e dell’assassinio del suo ragazzo, in uno scenario alquanto inquietante. È proprio durante la visione del videoclip che appare evidente il riferimento ad un’icona del pop internazionale, Lady Gaga. Oltre alle ambientazioni o agli abiti di chiara ispirazione a miss Germanotta, sembra proprio essere l’attitudine di Ava Max a farne la nuova erede di Gaga.

Ava Max è pop come lo sono i suoi miti

Ava Max ha dichiarato che il suo più grande idolo e fonte di ispirazione è Madonna. La sua canzone preferita? Ovviamente “Like a Prayer”. Alla regina indiscussa del pop, si aggiungono Céline Dion, Whitney Houston e Mariah Carey.

Ava Max è quindi cresciuta con il pop dei primi anni duemila ed è entrata di fatto, in quella generazione di nuove cantanti (Dua Lipa, Rita Ora) che stanno risollevando le sorti del pop a livello mondiale. In una scena musicale prevalentemente occupata da trap e rap, un po’ di sano pop non fa decisamente male a nessuno.

Ascolta Ava Max su Spotify

loading...
  • Gogo Magazine è un periodico edito da Gogo Editore
    Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Velletri autorizzazione n. 13/2018 del 08/05/2018
    Direttore Responsabile: Andrea Fabiani

    Magazine potrebbe utilizzare contenuti immagine recuperati da internet e ritenuti di pubblico dominio. Qualora i soggetti interessati, gli autori, eventuali detentori di copyright od altri diritti si opponessero alla pubblicazione è possibile contattare la redazione (redazione@gogomagazine.it) per chiedere la tempestiva rimozione dei contenuti.

    Tutti i contenuti, salvo diversamente indicato, sono di proprietà di GogoVest SRL e distribuiti con licenza Creative Commons BY-NC-ND 2.5IT

    Copyright © 2018 Gogo Magazine è una proprietà di GogoVest SRL - Sede Legale: Via Salento, 61 - 00162 Roma | P.IVA IT14688251009