Connect with us
Zoe Wees Zoe Wees

Musica

Chi è Zoe Wees, la cantante di Control

mm

Published

il

Chi è Zoe Wees, la cantante di Control: la carriera e le curiosità sulla giovanissima artista tedesca di origini americane.

Da qualche settimana circola con insistenza nelle nostre radio Control, una hit cantata da un’artista giovane e di grandissimo talento. Stiamo parlando di Zoe Wees, una cantante che sta scalando le classifiche di tutto il mondo, conquistando tanti fan anche in Italia.

Scopriamo insieme alcune curiosità sulla sua carriera appena iniziata e anche sulla sua vita privata, per quel che finora si conosce.

Chi è Zoe Wees

17 anni e tanto tanto talento, Zoe Wees è una cantante di origine americana cresciuta in un quartiere della periferia di Amburgo. Sofferente per una malattia che l’ha colpita fin dai primi anni di vita, ha cercato rifugio nella sua musica, mostrando fin da subito una voce unica e capace di affascinare qualunque ascoltatore.

Zoe Wees

La sua carriera è iniziata solo nel 2020, all’alba dell’emergenza Coronavirus, quando ha pubblicato il suo primo singolo, Control, che ha subito avuto grande successo.

Già famosa su Instagram e TikTok, Zoe ha pubblicato numerose canzoni prima di raggiungere il successo con la sua hit, che parla proprio della sua malattia, l’epilessia.

La stessa giovane cantante ha spiegato il significato di Control: “La malattia era più forte di me e ha lasciato cicatrici che ora sono diventate parte di me, anche accettarle ha richiesto molto tempo, ma ora mi rendono ciò che sono: una combattente“.

Di seguito il video ufficiale di questo suo primo brano:

Curiosità

  • Zoe è affetta da una grave epilessia che le è stata diagnosticata già quando era una bambina.
  • Ha conquistato tantissimi fan anche tra gli artisti più famosi degli ultimi anni, tra cui Jessie J, Tom Walker, Dotan e Lewis Capaldi, che ha condiviso sui social la sua cover di Someone You Loved.
  • Ha un account Instagram da più di 110mila follower.

Fonte immagine in evidenza: account Instagram di Zoe Wees.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *