After Life: Recensione della serie tv di Ricky Gervais che non risparmia...
Connect with us

Netflix

After Life: Recensione della serie tv di Ricky Gervais che non risparmia nessuno!

Published

on

Fin dal suo primissimo annuncio After Life, ha fatto parlare di sé. La nuova sfida di Ricky Gervais, con Neftlix, aveva, fin dai sussurri originari, attirato l’attenzione del grande pubblico che aveva cominciato a ben sperare, conoscendo la genialità del suo autore.

After Life

After Life: Qualcosa di rotto

After Life ruota attorno alla sofferenza di Tony, dipingendo uno dei momenti più difficili della sua vita, la perdita di una persona cara. Partendo da questo presupposto la serie mette in scena un viaggio, un dipinto, dalle tonalità tutte attuali e dissacranti. Il suo protagonista è un essere umano, una persona che lotta per rimettere insieme i pezzi che un tempo lo componevano, pezzi che lo rappresentavano e che adesso si sono posati sul fondo di un bicchiere.
Ma After Life non si limita a questo, la cinica comicità di Gervais affiora prepotente fra le righe del suo personaggio che non si risparmia in nessun frangente narrativo.

Ecco che il mondo stesso diventa parte cruciale di questo viaggio. After Life introduce un protagonista e le sue battaglie personali, la lente d’ingrandimento però continua a muoversi, non va semplicemente oltre alle sue parole, bensì le lega alle esperienze passate e presenti, in un continuo studio e confronto.

After Life

After Life: I legami

Tony lavora in una piccola rivista locale, frequenta abitualmente gli stessi posti, ha legami più o meno forti con colleghi, amici e familiari eppure tutto questo viene messo in ombra dai ricordi che lo tormentano, come se fosse alla disperata ricerca di un qualcosa che adesso non riesce più ad essere.
Il continuo parallelo coi video sul computer, le frasi della moglie e quelle immagini che sembrano dipingere un protagonista totalmente diverso, mettono in luce un aspetto che sembra lontano anni luce da colui che abbiamo davanti.

Uno dei messaggi più curiosi di After Life risiede proprio nel “non detto”. Tony parla moltissimo, si comporta in maniera strafottente, non ha alcun rispetto per il prossimo e pensa continuamente di farla finita, eppure la lezione più importante la si impara proprio nel momento in cui smette di guardare esclusivamente a se stesso. Le situazioni difficili e il dolore non devono dunque accecare e aprendo gli occhi ad un orizzonte più vasto si riesce ancora a scorgere la luce.
Ad aggiungere ancora più credibilità al personaggi abbiamo poi un forte impatto autobiografico a pervaderne l’essenza, impatto che, con lo svilupparsi degli eventi, porta non poco stupore agli occhi dei fan storici di Gervais.

After Life

After Life: Eppure…

Gli episodi di After Life procedono veloci e leggeri, il peso della tematica principale viene snocciolato dalla bellissima presenza del suo protagonista il quale, in determinate circostanze, tende ad oscurare possibili approfondimenti per gli altri personaggi, che comunque giocano un ruolo curioso ma a tratti “superficiale” (non ai fini della storia, più che altro si parla di scrittura di questi). Una nota di merito va alla scrittura dei dialoghi (soprattutto del protagonista), proprio in essa ritroviamo lo stile inconfondibile di Gervais stesso, accompagnata da una buona regia e fotografia che riesce ad esprimere l’emotività corrente.

Un punto di demerito va nella “semplicità” con cui sono stati sviluppati determinati frangenti, dando forse troppo per scontata l’empatia dello spettatore.

After Life parla di un protagonista arrabbiato e tormentato.
After Life mette in luce un lato proprio di ogni essere umano e colpisce in pieno per la sensibilità con cui il tutto viene affrontato.
After Life rappresenta quella debolezza che tutti noi abbiamo nel profondo.
Eppure After Life non riesce, in alcuni momenti, ad andare oltre gli eventi che ruotano attorno al suo protagonista, accennando, o semplicemente abbozzando le personalità che respirano il momento con lui.

Review 0
8 Reviewer
0 Users (0 voti)
Pro
Ottima presenza del protagonista.
Dialoghi memorabili e d'impatto.
Contro
Semplicità nella caratterizzazione dei personaggi secondari.
Conclusioni
After Life parla di un protagonista arrabbiato e tormentato. After Life mette in luce un lato proprio di ogni essere umano e colpisce in pieno per la sensibilità con cui il tutto viene affrontato. After Life rappresenta quella debolezza che tutti noi abbiamo nel profondo. Eppure After Life non riesce, in alcuni momenti, ad andare oltre gli eventi che ruotano attorno al suo protagonista, accennando, o semplicemente abbozzando le personalità che gli ruotano attorno.
Voto
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Ho sempre trovato nella scrittura un qualcosa di mio: il poter esprimere quanto ho dentro, parlando di argomentazioni che amo, penso sia un'obiettivo di vita importantissimo. Studente in Lingue, culture, letterature e traduzione, dopo la pubblicazione di due romanzi ho intrapreso la strada del giornalismo senza guardarmi dietro.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *