Connect with us
Agents of SHIELD: la quinta stagione si apre con Orientarsi pt 1 Agents of SHIELD: la quinta stagione si apre con Orientarsi pt 1

Recensione

Agents of SHIELD 5×01: Orientarsi pt 1, dove e quando

Published

il

Si apre con Orientarsi pt 1 la quinta stagione di Agents of Shield. Una nuova avventura per gli agenti di Phil Coulon, alle prese con un nuovo nemico.

Un inizio eccezionale per Agents of SHIELD. La quinta stagione inizia con l’episodio Orientarsi pt 1: la scelta statunitense di debuttare con una maxi première non è stata infatti emulata da Fox Italia, che trasmetterà Orientarsi pt. 2 solo il 27 dicembre. Le vicende degli agenti Marvel riprendono quasi esattamente da dove si erano chiuse a fine della quarta stagione. Un uomo non identificato entra nella tavola calda e trascina via con la forza 6 dei 7 agenti presenti: Fitz non è nella lista.

Agents of SHIELD: la quinta stagione si apre con Orientarsi pt 1

Orientarsi pt 1: un viaggio nello spazio

Come già aveva annunciato la conclusione della stagione precedente, ma anche i trailer diffusi in questi mesi, i protagonisti di Agents of SHIELD vengono catapultati nello spazio. Tutto l’episodio Orientarsi pt 1 è un vero orientarsi, sia per gli spettatori che per i personaggi. Gli agenti sembrano essere arrivati all’interno di una specie di base spaziale, dove l’aria è respirabile, ma le tecnologie, seppur simili, fanno presupporre che non tutto il luogo abbia a che fare con la Terra. I tanti cadaveri sparsi per le sale, mostrano la presenza di un nemico: delle specie di cavallette giganti. Ciò viene spiegato anche da un uomo che incontra Coulson nei primi momenti di Orientarsi pt 1, il quale spiega all’ex Direttore che lo stava aspettando, e che aveva sempre creduto nella sua venuta. Queste parole non trovano un senso nell’agente Marvel, ma neanche nel pubblico: si può ipotizzare sia un fanboy, casualmente poi finito nello spazio, o che sotto ci sia qualcosa di più profondo e misterioso, dove Coulson è solo una pedina? In questo primo episodio, Orientarsi pt 1, un altro incontro segna un momento molto importante per i protagonisti: quello con Dick. Il personaggio, con un’entrata in scena che ricorda molto quella di Star-Lord di Guardiani della Galassia, inizia un breve combattimento con May, per poi mostrare al pubblico di non essere lui il vero nemico. Dick è un umano, che sembra agire per denaro, e che pare conoscere bene il luogo in cui sono finiti gli agenti, tanto che inizia trattative con i veri abitanti del luogo: i Kree.

I Kree: gli alieni alla conquista della serie, in Orientarsi pt 1

Queste tecnologie, così simili a quelle umane, non sono controllare dai terrestri ma dai Kree, che fanno un ingresso “a gamba tesa” nell’episodio Orientarsi pt 1, facendo ben capire che questa volta non saranno un elemento di passaggio. Il rapporto tra gli agenti e questa razza aliena è stata scandita da più contatti. Ciò che sappiamo è che sono stati loro a generare gli Inumani e ciò potrebbe portare la trama a qualche risvolto particolare nei casi di YoYo e Daisy. Qui, in questa specie di base spaziale, i Kree sono molti e detengono il potere. Gli umani, invece, sono visti come cavie da laboratorio, sui quali svolgere esperimenti, per fini non ancora chiari.

Orientarsi pt 1: dove siamo?

Il punto di forza di Orientarsi pt 1 è però senza dubbio l’orientarsi in senso stretto. I protagonisti teorizzano sul dove siano, perché ci siano e chi li abbia spediti nello spazio. Non mancano i riferimenti a elementi delle stagioni precedenti, come Ghost Rider e il Framework, o l’allontanamento da qualche scienza e ragione, con teorie riguardanti il mondo magico. Tra i protagonisti, Gemma è l’unica ad essere già stata nello spazio, e per lei,  la chiave, rimane sempre la stessa: aggrapparsi con tutta se stessa alle leggi della fisica. Alla fine dell’episodio Orientarsi pt 1, le certezze di Gemma sembrano però, improvvisamente, doversi arrendere ai fatti: qui non c’è niente in linea con le leggi naturali che governano la terra.

Toscana trapiantata a Roma, dopo un percorso in organizzazione e comunicazione di eventi culturali, mi sono laureata in Media Studies presso l'Università "La Sapienza" di Roma. Classe 1993, ho una grande passione verso il mondo dell'entertainment! Da "Kebab for Breakfast" a "Westworld", da "Cloud Atlas" a "Bastardi Senza Gloria", da "Le situazioni di Lui e Lei" a "One Piece", la produzione culturale mi ha accompagnata per tutta la vita, ed ora ho quindi deciso di scriverne e parlarne su Gogo Magazine!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *