Connect with us
Jodie Comer è Villanelle in Killing Eve. Gogo Magazine Jodie Comer è Villanelle in Killing Eve. Gogo Magazine

Approfondimenti

Killing Eve: le locations visitate da Villanelle

mm

Published

il

Il fascino di una serie brillante come Killing Eve è da ricercare anche nelle locations internazionali che hanno fatto da palcoscenico per tre stagioni.

Pericolosamente affascinante, con una vita glamour ma anche sanguinosa, Villanelle è un’assassina unica nel suo genere nella serie televisiva della BBC America Killing Eve. Ozi e gusti costosi, uno stile inconfondibile: difficile non riconoscerla anche solo da una semplice inquadratura! Anche la sua passione per i viaggi è però leggendaria come la sua strana… professione! A due puntate dall’epilogo della terza stagione, forse un tuffo tra le diverse destinazioni europee dei viaggi della protagonista potrebbe rivelarsi rinfrescante.

Quando le voci di un’inafferrabile assassina donna hanno cominciato a girare tra gli agenti dei servizi segreti britannici, Villanelle (Jodie Comer) era un vero mistero indecifrabile e inedito. Eve Polastri (Sandra Oh) è l’agente dell’MI5 che per prima sospetta che ci sia una psicopatica a piede libero. La sua missione – sempre più difficile anche sul piano emotivo – è quello di rintracciare la ragazza viaggiando per l’Europa insieme agli appassionati di Killing Eve.

Killing Eve a Parigi

Il sesto arrondissement è il quartiere chic della capitale francese che ospita Villanelle nei primi episodi della prima stagione di Killing Eve. Questa città è perfetta per una personalità come la sua caratterizzata da un forte fattore “laissez-faire” nella sua vita personale, pur desiderando il miglior cibo, la moda e l’arte che la Francia potrebbe offrire. Tra gli eleganti palazzi parigini, Villanelle intreccia relazioni sopra le righe ma soprattutto si confronta con il suo supervisore Konstantin. Proprio attraverso questi incontri seguiti da compiti da svolgere, si definisce gradualmente il carattere della protagonista. Ovviamente anche il glamour vuole la sua parte: come dimenticare, infatti, l’iconico vestito rosa?

Jodie Comer è Villanelle in Killing Eve a Parigi, Gogo Magazine

Foto: BBC America

Villanelle in missione a Londra

Era inevitabile che Villanelle alla fine avrebbe seguito Eve a Londra nel corso delle stagioni di Killing Eve. Le due protagoniste condividono un legame quasi distruttivo che spesso ha conseguenze catastrofiche per tutti quelli che le circondano. Anche se non c’è molto tempo per le visite turistiche – le sue missioni sono sempre toccata e fuga -, Villanelle si sentirebbe perfettamente a suo agio nella zona est di Londra, area molto apprezzata anche dall’interprete Jodie Comer. Con la sua capacità di camuffarsi semplicemente mettendosi un paio di occhiali enormi, si mimetizzerebbe perfettamente.

Jodie Comer è Villanelle in Killing Eve, Gogo Magazine

Foto: BBC America

Tra i club di Berlino con Killing Eve

La capitale tedesca è invece il palcoscenico di alcuni dei momenti più crudi dell’intera serie Killing Eve. Villanelle, infatti, è sempre una mercenaria a sangue freddo che ucciderà chiunque si metta sulla sua strada. Nel corso della serie si apprende lentamente il passato dell’assassina – il suo vero nome è Oksana Astankova – che condivide una storia affascinante con Berlino. Qui ha luogo la scena del suo omicidio forse più scioccante. Comer ha rivelato che il vestito che indossa nelle scene ambientate in un locale notturno, una creazione di Dries Van Noten, è il suo preferito.

Jodie Comer a Berlino nei panni di Villanelle in Killing Eve, Gogo Magazine

Foto: BBC America

Killing Eve senza freni ad Amsterdam

Per alcune delle sequenze più eccentriche dello show , Villanelle sceglie come palcoscenico il quartiere a luci rosse di Amsterdam. Killing Eve, però, seguendo la sua migliore tradizione, è evitare i grandi cliché e questo è particolarmente vero per la capitale olandese. Si intravedono alcuni dei canali, dei caffè e dei vizi che la città ha da offrire, ma si esplora anche il lato culturale quando Villanelle e Konstantin fanno una gita al Rijksmuseum in Museumstraat. Si tratta di uno dei musei più significativi di Amsterdam, dove una delle opere d’arte lascia un’impronta indelebile su Villanelle, lasciando anche indizi a Eve.

Jodie Comer è Villanelle in Killing Eve, Gogo Magazine

Foto: BBC America

Un tragico epilogo – o quasi – a Roma

Il culmine della seconda stagione di Killing Eve ha luogo tra le antiche rovine di Roma. Si tratta di un ritorno in grande stile in Italia dopo una breve ma letale incursione in Toscana all’inizio della prima stagione. Le strade acciottolate alimentano l’atmosfera epica che avvolge la scena del drammatico confronto tra Eve e Villanelle. Una sola delle due resterà in scena. Si ha la sensazione che Roma abbia alcune delle comodità che a Villanelle sono mancate da quando ha lasciato il suo appartamento a Parigi, non ultimo una serie di incredibili punti di osservazione da cui può respingere ogni possibile minaccia nemica.

Jodie Comer e Sandra Oh nella seconda stagione di Killing Eve a Roma, Gogo Magazine

Foto: BBC America

Killing Eve 3 riparte da Barcellona

La nuova casa di Villanelle nella terza stagione sembra essere ancor più raffinata di alcuni dei suoi precedenti appartamenti ma non per questo è meno impressionante. Le influenze moresche nelle piastrelle e nei pilastri dell’appartamento di Barcellona sono accattivanti e magnetici. Naturalmente, molti turisti visitano la città per ammirare le famose attrazioni turistiche, ma non è lì che gli appassionati di Killing Eve devono credere di trovare Villanelle. Il richiamo delle stradine e dei negozi nascosti alla vista, infatti, sembrano essere il vero habitat perfetto per la spietata killer che però vive una profonda crisi.

Jodie Comer è Villanelle in Killing Eve 3x04, Gogo Magazine

Foto: BBC America

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *