Connect with us

Approfondimenti

Dragon Age 4: lo stato dei lavori

mm

Published

il

Originariamente annunciato durante i Game Awards 2018 del 6 dicembre mediante un breve e generico teaser trailer, del quarto capitolo di Dragon Age, la celebre saga fantasy firmata BioWare, non si è più saputo nulla. Lo sviluppo del titolo sembra essere iniziato già durante il 2017, sotto la guida esperta di Mark Darrah e Mike Laidlaw, subendo però rallentamenti non trascurabili in corso d’opera. Il più noto è sicuramente l’abbandono del direttore creativo Ladilaw dopo 14 anni di lavoro presso BioWare per andare in Ubisoft, lasciando i fan della saga estremamente preoccupati per quanto riguarda il futuro della serie. Fortunatamente, attraverso un tweet, è lo stesso Mike a rassicurare il pubblico, confermando non solo che la saga non è pronta a morire, ma anche come Electronic Arts abbia già piani per un ipotetico quinto capitolo. Ma allora cos’è che ci ha portato a non avere più notizie nel corso di tutti questi mesi? La risposta sembra proprio risiedere in Anthem.

Anch’esso sviluppato da BioWare e publicato da EA, Anthem non ha avuto un lancio fortunato, e i suoi problemi in corso d’opera sono andati ad influenzare, inesorabilmente, i lavori per Dragon Age 4. Sembrerebbe infatti che, in seguito all’abbandono di Aaron Flynn, general manager del progetto Anthem, ad occuparsi di salvare il salvabile e proseguirne lo sviluppo furono Mark Darrah e parte del team che stava lavorando al quarto capitolo della saga fantasy. Lo spostamento, più o meno improvviso che fosse, certo non deve aver gioviato al progresso di Dragon Age, ed il “silenzio stampa” di questi mesi porta i fan a chiedersi quanto a lungo dovranno ancora attendere prima di avere un nuovo assaggio del bramato capitolo, ma, soprattutto, saranno terminate le spiacevoli vicissitudini che sembrano averne maledetto lo sviluppo? Fortunatamente l’importante e sempre attesissima conferenza dell’E3 è dietro l’angolo, ed Electronic Arts ha recentemente annunciato di avere in serbo meno chiacchiere e più gioco, sostituendo la tipica press conference con una serie di live stream che andranno in onda durante i primi due giorni dell’evento. Insomma, sembra proprio essere l’occasione perfetta per rassicurare i fan e mostrare, finalmente, qualcosa di solido e concreto. Vi ricordiamo infine che questa edizione dell’E3 2019 si svolgerà dal 7 al 9 giugno, continuate dunque a seguirci per il nostro, immancabile, coverage.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *