Connect with us
Assassin's Creed Assassin's Creed

Game Preview

Cosa aspettarsi da Assassin’s Creed Odyssey

Published

il

Assassin’s Creed Odyssey si ripromette di cambiare la famosa saga videoludica da cima a fondo, con un’attenzione particolare alla componente RPG. Andiamo a vedere più nel dettaglio cosa ci aspetta.

Assassin’s Creed Odyssey è stato uno dei giochi più chiacchierati di questo E3 2018, mostrando un gameplay molto più ruolistico di quanto mai visto in passato nella serie. Andiamo ad analizzare le informazioni rivelate fino ad ora sul nuovo capitolo della saga di Assassin’s Creed.

Assassin's Creed Odyssey

Questa è Sparta!

Assassin’s Creed Odyssey Storia

Come già trapelato più di una voltaAssassin’s Creed Odyssey sarà ambientato nell’Antica Grecia durante la Guerra del Peloponneso, facendoci iniziare l’avventura proprio durante il primo anno di conflitto, il 431 a.C.

Sicuramente, come già accaduto con la maggior parte dei titoli precedenti, la storia si estenderà per più anni, facendoci vedere un’ampia porzione della vita del nostro protagonista che, per la prima volta in assoluto, possiamo scegliere. Le opzioni sono tra un personaggio maschile o femminile, Alexios o Kassandra. La scelta non avrà grandi ripercussioni sulla storia. L’unica cosa che sembra cambiare è il fatto di poter intraprendere relazioni omosessuali.

Per il resto, noi saremo sempre uno spartano/a ripudiato/a dalla sua famiglia. La nostra particolarità è quella di far parte della stirpe di Leonida, nostro nonno, eroe delle Termopili. Ci verrà anche consegnata, in qualche modo ancora non svelato, la lancia con la quale Leonida ha combattuto fino alla morte, che sembra essere in tutto e per tutto un artefatto della Prima Civilizzazione, un Frutto Dell’Eden.

Assassin's Creed Odyssey

Spinti da Poseidone

Assassin’s Creed Odyssey Battaglie Navali

L’Antica Grecia di Assassin’s Creed Odyssey sembra essere molto più grande dell’Egitto di Origins (già immenso). Va anche detto, però, che qui gran parte della mappa è occupata dal Mar Egeo e Ionio.

Quindi, le zattere presenti in Origins utilizzate per solcare il Nilo non possono più fare al caso nostro. Per questo sono state reintrodotte le battaglie navali. Assassin’s Creed Odyssey sembra essere una sorta di Black Flag, ma al tempo dei grandi eroi greci. Saremo in possesso di una trireme con un nostro equipaggio. Questa, a giudicare dai bonus per il pre-ordine, può essere personalizzata. Anche il look dei nostri marinai-mercenari sembra potrà essere cambiato.

Le missioni navali di Origins sono state un banco di prova. Infatti, il combattimento navale sembra un miglioramento corposo di quanto già visto nel capitolo egizio, un po’ come accade tra Assassin’s Creed III e Assassin’s Creed IV: Black Flag.

Assassin's Creed Odyssey

Colossi dimenticati

Assassin’s Creed Odyssey Mappa

La mappa di Assassin’s Creed Odyssey, in termini prettamente artistici, sembra l’apice delle produzioni Ubisoft. Questa è piena di giganteschi colossi di pietra, templi posizionati su scogliere a picco sul mare, cittadine arroccate e lussureggianti isolette.

Non sappiamo quanto di questo corrisponda alla realtà, ma a giudicare dal lavoro strabiliante svolto in ogni capitolo da Ubisoft per ricreare al meglio gli ambienti e le atmosfere dei periodi storici da loro affrontati, possiamo dedurre che Assassin’s Creed Odyssey non faccia eccezione.

Assassin's Creed Odyssey

Cambio di rotta

Assassin’s Creed Odyssey Gameplay

Ormai è appurato. Assassin’s Creed Odyssey è un RPG a tutti gli effetti, a partire dal gameplay. Questo nuovo capitolo includerà per la prima volta nella saga una grande varietà di scelte durante i dialoghi, che avranno un certo impatto sulla nostra avventura e potrebbero portare a finali differenti. Come già detto, ci sarà la possibilità di intraprendere relazioni amorose, anche con personaggi dello stesso sesso.

Il combattimento sembra aver preso in tutto e per tutto la deriva dei giochi di ruolo, con una sempre più marcata presenza di armi elementali e speciali, in grado di avvelenare, bruciare o indebolire i nemici. Abbiamo anche diverse abilità che, a differenza del capitolo precedente, una volta acquistate vanno posizionate nella nostra “ruota delle abilità”. Il limite è di quattro, quindi dovremo scegliere con cura quali utilizzare a seconda del nostro stile di gioco.

Grande novità è l’introduzione di battaglie campali dove dovremo sconfiggere l’esercito nemico. Per farlo, sarà necessario uccidere i generali avversari. Sembra, quindi, che combatteremo la Guerra Del Peloponneso in prima persona, ma bisogna capire quanto possano essere varie queste battaglie su vasta scala. Una cosa sicura è il fatto di poter sceglie da che parte stare nel conflitto, se parteggiare per i Greci e vendicarci sulla nostra famiglia o se cercare di tornare a far parte di essa da eroi.

Torna anche la personalizzazione del personaggio, ma questa volta molto più marcata. Potremmo, infatti, scegliere diversi elementi della nostra armatura, ognuno dei quali sembra avere dei parametri che aumentano salute, difesa e tutto ciò che conosciamo bene, cosa che non avveniva in Origins.

Altro elemento che si distacca completamente dalla saga, come già riportato, è il fatto di poter uccidere un numero potenzialmente infinito di civili senza venire desincronizzati. Hanno voluto cambiare completamente il gameplay di questo Assassin’s Creed Odyssey, ma sarà in grado di svecchiare la formula della saga?

Assassin's Creed Odyssey

Assassin’s Creed Odyssey è un progetto ambizioso e pericoloso, forse il salto nel buio più azzardato che Ubisoft abbia mai fatto. Cambiare completamente così tanti aspetti di una saga che, nel bene e nel male, ha fatto la storia videoludica degli ultimi anni, è un atto di coraggio e fede molto importante da parte di Ubisoft. Speriamo solo che cadano in un covone di paglia e non sul selciato.

Assassin’s Creed Odyssey arriverà su PlayStation 4, Xbox One e PC il prossimo 5 ottobre.

Per tutte le ultime novità su Assassin’s Creed Odyssey, seguiteci sulla nostra pagina Facebook e iscrivetevi al nostro gruppo, La Locanda Del Gamer.

Tenace adoratore del mezzo cinematografico, cerco sempre un punto di vista fotografico in tutto ciò che mi circonda. Videogiochi, serie televisive, pellicole cinematografiche. Nulla sfugge al mio imparziale giudizio.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *