Connect with us
Detroit Photo Mode Detroit Photo Mode

Game News

Detroit: Become Human – La modalità foto non arriverà presto

Published

il

Nonostante sia disponibile da poco, i giocatori di Detroit: Become Human sono già in attesa di nuove funzioni per il titolo di Quantic Dream. Una di queste è la modalità foto, che arriverà, ma non subito a causa di alcune difficoltà.

Detroit: Become Human è disponibile da diverso tempo per PlayStation 4. La nuova esclusiva per console Sony è stata un successo di vendite anche in Inghilterra. Nonostante ciò, i giocatori stanno già richiedendo nuove funzioni per Detroit: Become Human. Sembra che la più desiderata sia la photo mode, che al momento non è ancora disponibile. Però, stando alle parole del co-CEO di Quantic Dream, l’attesa potrebbe essere lunga. Guillaume de Fondaumière ha infatti svelato su Twitter le difficoltà che il team sta avendo per implementare la modalità foto. Tutto sembra legato all’unicità delle luci e del campo di profondità che Detroit: Become Human offre.

Detroit Photo Mode

Ciò però non significa che Detroit: Become Human non avrà mai una photo mode. Semplicemente ci vorrà più tempo del previsto. Anche perché sarebbe un peccato non poter catturare delle immagini di un titolo che offre un comparto grafico davvero straordinario. Ma se la modalità foto è arrivata si su Horizon: Zero Dawn che su God of War, ci sono ottime probabilità che arriverà anche su Detroit: Become Human.

L’unica cosa che possiamo fare è quindi aspettare. La difficoltà probabilmente è rappresentata anche dal fatto che con la photo mode, i giocatori possono personalizzare gli scatti. Quindi Quantic Dream deve anche prendere in considerazione tutto ciò, rendendo il lavoro ancora più difficile e lungo. Nonostante ciò, Detroit: Become Human è diventato il titolo di maggior successo per la compagnia.

Dopotutto c’era da aspettarselo. Anche le recensioni estere di Detroit: Become Human lo lasciavano presagire. Certo, alcune testate non hanno dato alla nuova esclusiva Sony un voto troppo alto. Ma se l’è comunque cavata bene, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto grafico e, in alcuni casi, la trama.

Appassionato di videogiochi sin da bambino, inizia la sua carriera tra varie redazioni a tema videoludico prima di finire su Gogo Magazine. Nutre anche altre passioni, come la lettura, soprattutto di genere fantascientifico e distopico, insieme alla scrittura. Prova un grande interesse anche per il mondo della cinematografia.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *