Chi porteresti su un'isola deserta?- Recensione del nuovo film targato Ne...
Connect with us

Cinema

Chi porteresti su un’isola deserta?- Recensione del nuovo film targato Netflix

Published

on

Annunciato durante questi mesi tramite un trailer di presentazione, Chi porteresti su un’isola deserta? è finalmente disponibile nel catalogo Netflix, che in questo periodo sta investendo molto per i suoi abbonati. Parecchia è stata la curiosità dietro alla pellicola, sia per i nomi dietro alla sua creazione e produzione, sia per gli attori a comporne il cast. Sarà riuscito a colpire in pieno?

Chi porteresti su un'isola deserta?

Chi porteresti su un’isola deserta? deriva dalla penna di Paco Anaya, ispirato dalla regia di Jota Linares e si presenta come un qualcosa che tenta di estrarre l’azione non tanto attraverso sviluppi fisici, quanto attraverso le emozioni e l’abilità degli attori stessi, che qui troviamo valorizzati più che mai.

Il film mette al suo centro un momento preciso della vita dei quattro protagonisti che lo compongono: Marcos, Celeste, Marta e Eze, rispettivamente interpretati da Jaime Lorente  (La Casa di Carta, Elite…), Andrea Ros (Il diario di Carlotta, REC 2…) , Maria Pedraza (La Casa di Carta, Elite…)  e Pol Monen (Tuo figlio…). Dopo aver vissuto per 8 anni nello stesso appartamento, la vita dei protagonisti sta per cambiare, imboccando la strada ispirata dalle loro scelte e dal loro personale impegno. Il tutto prende piede, dunque, proprio nel momento della crescita, nel momento in cui tutti loro si rendono conto che i prossimi passi che faranno avranno un impatto sul futuro.

Chi porteresti su un'isola deserta?

 

Chi Porteresti su un’isola deserta? però, non si limita semplicemente ad analizzare il momento della realizzazione ed il salto nel vuoto, va ben oltre mettendo in scena un vero e proprio dramma contemporaneo, tutto scritto dentro di loro, che non ha troppo a che vedere con il futuro, piuttosto con il presente.

La narrazione, inizialmente pervasa da una comprensibile malinconia, già vista altrove, soffia delicatamente lungo i piccoli gesti dei protagonisti, lungo gli scatoloni che occupano tutta la casa, lungo i cassetti ben chiusi e i loro segreti, fino a mettere a nudo una fragilità che esplode nei silenzi della colonna sonora.

Chi porteresti su un'isola deserta?

 

La scrittura dei vari protagonisti riesce perfettamente nel suo intento, proponendosi ispirata da quello che è uno stile più teatrale che cinematografico. I silenzi bagnati dalle lacrime, le riprese che immobili mettono in evidenza qualcosa che non può essere catturato dall’obiettivo della cinepresa, qualcosa che è dentro agli attori stessi e ai personaggi e l’attenzione verso l’espressività, contribuiscono a valorizzare le performance generali degli attori stessi, che non si sono risparmiati.

Chi porteresti su un’isola deserta? si pone, dunque, come una minuscola lente d’ingrandimento pronta a raccontare la realtà dei suoi protagonisti, lontana dalle apparenze e da quel salto che sembra tormentare tutti quanti per i motivi sbagliati. Rompe le barriere umane e mette in scena qualcosa che non ha bisogno di troppe corse, riuscendo comunque ad impattare per la profondità.

 

Chi porteresti su un’isola deserta?- Recensione del nuovo film targato Netflix
7.5 Reviewer
0 Users (0 voti)
Pro
La scrittura dei personaggi non necessita di approfondimenti e catapulta lo spettatore nel loro mondo.
L'abilità degli attori viene valorizzata a pieno tramite i movimenti di camera e la regia generale e la fotografia.
Contro
L'impianto teatrale e drammatico potrebbe stuccare a coloro non troppo avvezzi al genere.
Determinati sviluppi vengono affrontati con troppa rapidità e non lasciano troppo tempo allo spettatore di rifletterci su...
Conclusioni
Chi porteresti su un'isola deserta? si pone, dunque, come una minuscola lente d'ingrandimento pronta a raccontare la realtà dei suoi protagonisti, lontana dalle apparenze e da quel salto che sembra tormentare tutti quanti per i motivi sbagliati. Rompe le barriere umane e mette in scena qualcosa che non ha bisogno di troppe corse, riuscendo comunque ad impattare per la profondità.
Voto
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

Ho sempre trovato nella scrittura un qualcosa di mio: il poter esprimere quanto ho dentro, parlando di argomentazioni che amo, penso sia un'obiettivo di vita importantissimo. Studente in Lingue, culture, letterature e traduzione, dopo la pubblicazione di due romanzi ho intrapreso la strada del giornalismo senza guardarmi dietro.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Gogo Magazine è un periodico edito da Gogo Editore
    Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Velletri autorizzazione n. 13/2018 del 08/05/2018
    Direttore Responsabile: Andrea Fabiani

    Magazine potrebbe utilizzare contenuti immagine recuperati da internet e ritenuti di pubblico dominio. Qualora i soggetti interessati, gli autori, eventuali detentori di copyright od altri diritti si opponessero alla pubblicazione è possibile contattare la redazione (redazione@gogomagazine.it) per chiedere la tempestiva rimozione dei contenuti.

    Tutti i contenuti, salvo diversamente indicato, sono di proprietà di GogoVest SRL e distribuiti con licenza Creative Commons BY-NC-ND 2.5IT

    Copyright © 2018 Gogo Magazine è una proprietà di GogoVest SRL - Sede Legale: Via Salento, 61 - 00162 Roma | P.IVA IT14688251009