Cosmo: 15 cose che (forse) non sai sul cantantautore di Ivrea
Connect with us

Musica

Cosmo: 15 cose che (forse) non sai di lui

Published

on

Cantautore, dj e producer, Cosmo è uno degli artisti più discussi del 2018. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere sull’artista di Ivrea.

1 – Cosmo, all’anagrafe Marco Jacopo Bianchi, è nato il 21 febbraio del 1982 a Ivrea, dove vive tutt’ora con la moglie Antonietta e i due bambini di due e quattro anni, Carlo e Pietro.

2 – Nel 2002 ha fondato il suo gruppo, i Drink to me per poi approcciare alla carriera solista nel 2013 con il suo primo album, Disordine.

3 – Anche se potrebbe sembrare strano, Cosmo ha iniziato il suo percorso musicale lontano dall’elettronica, per poi avvicinarsene in un secondo momento. Suona la chitarra e fa il dj da solo un anno!

4 – I suoi cantautori di riferimento sono Battiato e Battisti. Nel 2012 Cosmo ha pubblicato sul web sue cover di tre loro celebri canzoni (“Gesualdo da Venosa” di Franco Battiato, “Io ti venderei” e “Abbracciala, abbracciali, abbracciati” di Lucio Battisti).

5 – Cosmo ha una laurea in filosofia che gli ha permesso di prendere una cattedra in un Istituto Commerciale come professore di storia e italiano.

6 – “L’ultima festa” è stata inserita da Rolling Stones, al dodicesimo posto tra le venti canzoni italiane più belle del millennio. L’album che la confine, l’omonimo “L’ultima festa”, si è guadagnato invece il primo posto nella classifica dei migliori dischi del 2016, stilato dalla stessa rivista.

7 – Cosmo è stato vittima di un furto che ha quasi messo in discussione la sua partecipazione al Concertone del Primo maggio 2018 a Roma. Il 29 aprile, a poche ore dalle prove generali, il furgone che conteneva la strumentazione del tour è stato derubato. Cosmo ha fatto partire immediatamente una gara di solidarietà sui social, chiedendo in prestito gli strumenti necessari per potersi esibire. La SIAE ha dato un contributo per poter ricomprare parte dell’attrezzatura.

 

8 – Cosmo apprezza la trap italiana. Predilige lo stile di Sick Luke della Dark Polo Gang, Ghali, Charlie Charles e Sferaebbasta. Lo scorso giugno ha collaborato con Achille Lauro in “Angelo Blu“. Il brano unisce due stili diversi: la trap di Lauro e il synth pop di Cosmo.

9 – Il video di “Quando ho incontrato te” dall’album “Cosmotronic, ha totalizzato un milione di visualizzazioni su YouTube. Girato in parte con la fotocamera di uno smartphone (Samsung Galaxy S9+), il video è dedicato alla moglie Antonietta, protagonista insieme a Cosmo della clip.

10 – Oltre 25.000 persone hanno assistito ad un concerto di Cosmo: una vera e propria festa che dura tutta la notte. Il suo ultimo tour “Cosmotronic, ha registrato tappe sold out e date raddoppiate.

11 – Il brano “Tristan Zarra” è stato composto da Cosmo sotto effetto di erba. Il cantante l’ha definito un pezzo demenziale e audace. Al suo interno c’è Francesca Michielin, il figlio maggiore di Cosmo che racconta una storia, la moglie, una “doppiatrice professionista che legge una specie di training autogeno e Calcutta, che gioca col telefonino”.

12 – Cosmo è stato modello per un giorno! Lo scorso 16 giugno ha sfilato, nel Teatro Metropol di Milano, per Dolce&Gabbana, per la collezione uomo estate 2019. A fargli compagnia sulla passerella, anche Tommaso Paradiso.

13 – Marco adora fare stage diving. Nel tour invernale di “Cosmotronic, durante “L’ultima festa” è diventato consuetudine il lancio sul pubblico, trasformato in crow surfing fino al mixer, per poi tornare indietro fino a raggiungere nuovamente il palco. Tristemente famoso è il tentativo fallito di fare stage diving durante il Concerto del Primo maggio a Roma.

14 – Ama la sua famiglia. Una fotografia della madre da giovane è stata scelta da Cosmo come copertina del suo secondo album “L’ultima Festa”. Nomina i suoi figli nel testo della canzone “L’altro mondo”.

15 – Con oltre 85 mila followers su Instagram, Cosmo è uno degli artisti più seguiti dell’ultimo periodo. Usa i social per rimanere in contatto con i suoi fan e per aggiornarli in tempo reale tramite le stories.

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *