Connect with us
Agents of SHIELD 5x05: il viaggio di Fitz verso il futuro. Agents of SHIELD 5x05: il viaggio di Fitz verso il futuro.

Recensione

Agents of SHIELD 5×05 RECENSIONE: Rewind – Segnali dal passato

Published

il

Dopo il fantastico finale del precedente episodio, andiamo ad analizzare ciò che è successo in Agents of SHIELD 5×05: la recensione di Gogo Magazine!

Il precedente episodio di Agents of SHIELD si era concluso con un arrivo totalmente inaspettato, quello di Fitz! La rivelazione finale dell’agente aveva lasciato il pubblico con molti quesiti, tra cui il principale: come ha fatto ad arrivare fin qui, ovvero nel futuro e nello spazio? Ed ecco che Agents of SHIELD 5×05 fa un vero e proprio Rewind, riportando il sguardo del pubblico in quella tavola calda in cui l’uomo era rimasto da solo.

Agents of SHIELD 5x05: il viaggio di Fitz verso il futuro.

Agents of SHIELD 5×05: il viaggio di Fitz verso il futuro.

Agents of SHIELD 5×05: il rewind di Fitz

L’intero episodio di Agents of SHIELD 5×05 fa da ponte tra Agents of SHIELD 5×01 e la puntata precedente. Dopo essere stato preso dai militari del governo, anche Fitz deve orientarsi, tentando di comprendere come e dove siano stati portati via i suoi compagni, in quei 2 minuti di amnesia totale. Se per il pubblico, e per gli Agenti nello spazio, le vicende del Framework sono ormai lontane, dati i pericoli imminenti presentati in questa nuova stagione, per Fitz non è così. In Agents of SHIELD 5×05, infatti, Fitz si trova nuovamente a combattere i suoi demoni, scontrandosi con quel presente che lo fa sentire sempre più vicino ad un assassino, e sempre più lontano dall’uomo che è sempre stato. Il sovrapporsi dei ricordi del Framework con quelli della “realtà” hanno però influito sulla psicologia e sulle abilità dell’uomo: l’agente dimostra maggior coraggio, agilità e predisposizione all’utilizzo delle armi da fuoco. Il mondo di AIDA ha incrementato le sue capacità, facendogli fare un “upgrade“! Durante il percorso di Fitz verso il futuro dei suoi amici, vengono forniti alcuni dettagli interessanti che aiutano il pubblico a orientarsi tra le varie dimensioni: Coulson e gli altri si trovano nel 2091, 75 anni nel futuro, ed Enoch, il rapitore, non sembra essere un nemico. Ma in questo Rewind di Agents of SHIELD 5×05, a sostenere Fitz ci pensano alcuni elementi chiave tornati dal passato.

Agents of SHIELD 5×05: segnali dal passato

Un malinconico ritorno in Agents of SHIELD 5x05.

Un malinconico ritorno in Agents of SHIELD 5×05.

L’episodio di Agents of SHIELD 5×05 segna un grande ritorno, seppur momentaneo, per il pubblico: quello di Hunter. E’ l’amico ex agente ad aiutare Fitz durante la sua fuga, e ad accompagnarlo come una solida spalla durante tutto l’episodio. Il personaggio, uscito di scena nella terza stagione, assieme alla fidanzata Bobbi, è l’unico amico rimasto a Fitz sulla Terra, e l’unico di cui realmente si può fidare, rappresentando a pieno la vera essenza dello SHIELD, ormai sempre più a pezzi. Il ritorno del personaggio, e un po’ tutta l’atmosfera che si respira nell’episodio, è nostalgica per un fan che segue con passione la serie fin dalla sua prima stagione, ed è proprio per questo che alcuni elementi di Agents of SHIELD 5×05 fanno storcere il naso: a una trama ricca di informazioni, che ritorna a elevare la stagione, dopo l’arresto del precedente episodio, si aggiungono dialoghi talvolta un po’ forzati. La presenza di Hunter si trasforma infatti nel meccanismo più spontaneo per Fitz di fare un recap al pubblico su ciò che è successo finora, e sui dettagli più importanti dell’episodio: un escamotage che, considerando il tipo di pubblico che attira una serie come Agents of SHIELD, forse è un po’ inutile e superficiale. Ciò si lega anche alla figura di Robin: Hunter, infatti, non è l’unico segnale dal passato che aiuta Fitz in Agents of SHIELD 5×05, tanto che la chiave per scoprire il futuro, arriva proprio da lì.

Il passato salva il futuro: Agents of SHIELD 5×05 (SPOILER)

Agents of SHIELD 5x05: una bambina come chiave.

Agents of SHIELD 5×05: una bambina come chiave.

Robin è la svolta di Agents of SHIELD 5×05. La bambina è la figlia di un Inumano incontrato nella terza stagione, quando la terrigenesi stava avvenendo casualmente tra gli individui per colpa del cibo. Se l’uomo riusciva a vedere le morti future, la bambina riesce a vedere gli avvenimenti lontano nel tempo, come la distruzione del pianeta. Secondo quella che Enoch chiama “profezia”, Fitz deve quindi raggiungere il futuro, secondo il “vecchio modo”, aspettando. Non risulta quindi chiaro come Fitz possa aiutare e salvare i suoi amici, arrivando semplicemente più tardi di lui. Le informazioni in suo possesso sono infatti poche, e durante il “viaggio” ha semplicemente dormito. In Agents of SHIELD 5×05, sempre più importanza sembra quindi poter assumere la figura di Enoch, che per tutti questi anni ha osservato, scrutato e studiato i cambiamenti del mondo. Ma chi è Enoch?

Toscana trapiantata a Roma, dopo un percorso in organizzazione e comunicazione di eventi culturali, mi sono laureata in Media Studies presso l'Università "La Sapienza" di Roma. Classe 1993, ho una grande passione verso il mondo dell'entertainment! Da "Kebab for Breakfast" a "Westworld", da "Cloud Atlas" a "Bastardi Senza Gloria", da "Le situazioni di Lui e Lei" a "One Piece", la produzione culturale mi ha accompagnata per tutta la vita, ed ora ho quindi deciso di scriverne e parlarne su Gogo Magazine!

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *