Connect with us
Octopath Traveler recensione Octopath Traveler recensione

Game Review

Octopath Traveler: Recensione – L’ottava meraviglia del JRPG

Published

on

Octopath Traveler, l’ultima fatica di Square Enix in collaborazione con Acquire, è uscito questo 13 luglio 2018 in esclusiva per Nintendo Switch. Preceduto da ben due demo giocabili per mostrare la sua particolarità, il titolo fa del suo punto di forza il comparto grafico, unico nel suo genere, in un’avventura che porterà ad impersonare uno di otto personaggi ognuno in un luogo diverso del mondo e con una sua storia, ma andiamo con ordine e analizziamo questo Octopath Traveler.

Benvenuti ad Orsterra

Octopath Traveler prende luogo nell’immaginaria terra di Orsterra, dove al giocatore verrà chiesto di scegliere quale di 8 personaggi sarà il viaggiatore con cui intende iniziare l’avventura, ognuno dei quali apparterrà ad una classe ben precisa:

  • Primrose Azelhart, Danzatrice
  • Tressa Colozone, Mercante
  • Therion, Ladro
  • Cyrus Albright, Erudito
  • H’aanit, Cacciatrice
  • Olberic Eisenberg, Guerriero
  • Alfyn Greengrass, Farmacista
  • Ophilia Clement, Chierica

Loading...

Ogni viaggiatore oltre la classe avrà due particolari skill: azione di viaggio e talento, basate sulla classe stessa di partenza. Una volta scelto il nostro personaggio e consecutivamente la nostra classe, verremo catapultati in una delle città dove avvieremo la sua main quest. Da questo punto in poi il gioco ci spingerà ad esplorare l’intero mondo di Orsterra dove incontreremo i restanti sette personaggi, i quali potranno entrare a far parte della nostra compagnia a patto di completarne momentaneamente il primo capitolo della main quest. Questa caratteristica, che abbiamo particolarmente apprezzato, ci permetterà di conoscere e immedesimare in tutti i compagni di viaggio, facendoci dimenticare con chi avessimo intenzione inizialmente di giocare e spingendoci a completare sin da subito (o più in là) tutte le loro storie, d’altronde è da qui che il gioco prende il titolo di Octopath Traveler.

Un mondo insidioso quello di Orsterra

Chiaramente nel nostro viaggio tra una città e l’altra non mancheranno le insidie, cuore di ogni JRPG che si rispetti. Gli incontri casuali di mostri e bestie saranno all’ordine del giorno e daranno luogo ai classici combattimenti a turni che caratterizzano il combat system di Octopath Traveler. L’impostazione, seppur classica, lascia spazio a sostanziali novità nel genere, come lo scudo degli avversari, il boost di attacco accumulabile dai viaggiatori nella nostra compagnia e l’integrazione di alcune delle skill azione di viaggio o talento nel combattimento innovando un sistema ormai decisamente datato seppur caratteristico, ma senza alterarne la natura, così da accontentare contemporaneamente sia chi cerca l’innovazione che i puristi più accaniti.

Il combat system di Octopath Traveler

Un gioco per tutti? oppure il Dark Souls dei JRPG?

Ed è parlando di puristi che arriviamo ad un domandone che Octopath Traveler ci spinge a porci: per quale genere di pubblico è indicato questo titolo? Andiamo per gradi. Il titolo ha un’impostazione classica e, a differenza di molti titoli moderni anche dello stesso genere, non fa sconti di alcun tipo al giocatore. L’intero gioco è votato al grinding più sfrenato e all’attenzione nel building dei nostri personaggi e del loro skill-tree, pena l’impossibilità di proseguire in scontri e boss fight sin da subito impegnativi. L’esplorazione dell’ambiente in cerca di loot nascosto, la pazienza nel cercare di carpire le informazioni dagli NPC per risolvere sia main che side quest, possono portare a noia tutta quella fetta di giocatori che, non essendo adepta al genere, viene attratta dal titolo per la sua particolarità artistica senza curarsi di cosa si va ad affrontare in termini di gameplay puro. Ovviamente queste sono tutte considerazioni soggettive e non indicative del grado di difficoltà del gioco, che non richiede skill particolari se non di strategia e pianificazione delle azioni.

Octopath Traveler recensioneOctopath Traveler recensione

L’arte di Octopath Traveler

Parliamo ora di uno degli aspetti più succosi di questo titolo: il comparto grafico, o meglio, l’arte che c’è dietro. Come definito dagli sviluppatori, Octopath Traveler è in “HD-2D” un particolare stile grafico che combina gli sprite dei personaggi a 16 bit in stile SNES con ambienti poligonali e effetti ambientali ad alta definizione. Questo stile non solo rende Octopath Traveler unico nel suo genere, ma fa si che il titolo sia una vera e propria opera d’arte dalla quale non riusciamo a staccare gli occhi, il tutto accompagnato dal sublime comparto sonoro che non ha nulla da invidiare al più classico Final Fantasy, Chrono Trigger, Dragon Quest e chi più ne ha più ne metta.

Octopath Traveler: Recensione – L’ottava meraviglia del JRPG
9.3 Reviewer
0 Users (0 voti)
Pro
Comparto tecnico eccelso. Uno degli stili grafici più affascinanti degli ultimi anni
Combat System classico ma al contempo innovativo
Musiche destinate a diventare classiche
Contro
Un JRPG nudo e crudo
Non per tutti i tipi di giocatori.
Conclusioni
Il titolo ha catapultato l'intera community del gaming nell'era del classico JRPG su SNES ma senza dimenticare l'epoca in cui è stato sviluppato amalgamando il tutto in un'esperienza unica nel suo genere.
Trama
Gameplay
Comparto Tecnico
Sonoro
Comparto Artistico
Colonna Sonora
What people say... Leave your rating
Ordina per:

Sii il primo a lasciare una recensione.

User Avatar
Verificato
{{{ review.rating_title }}}
{{{review.rating_comment | nl2br}}}

Di Più
{{ pageNumber+1 }}
Leave your rating

Il tuo browser non supporta il caricamento delle immagini. Scegline uno più moderno.

loading...
  • Gogo Magazine è un periodico edito da Gogo Editore
    Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Velletri autorizzazione n. 13/2018 del 08/05/2018
    Direttore Responsabile: Andrea Fabiani

    Magazine potrebbe utilizzare contenuti immagine recuperati da internet e ritenuti di pubblico dominio. Qualora i soggetti interessati, gli autori, eventuali detentori di copyright od altri diritti si opponessero alla pubblicazione è possibile contattare la redazione (redazione@gogomagazine.it) per chiedere la tempestiva rimozione dei contenuti.

    Tutti i contenuti, salvo diversamente indicato, sono di proprietà di GogoVest SRL e distribuiti con licenza Creative Commons BY-NC-ND 2.5IT

    Copyright © 2018 Gogo Magazine è una proprietà di GogoVest SRL - Sede Legale: Via Salento, 61 - 00162 Roma | P.IVA IT14688251009