FIMI Awards: da Mengoni a Ed Sheeran — Gogo Magazine
Connect with us
FIMI FIMI

Musica

FIMI Awards: da Mengoni a Ed Sheeran

Published

on

Scopriamo quali sono tutti i singoli e gli album che questa settimana hanno ottenuto la certificazione FIMI.

Con un piccolo ritardo, dovuto alle festività, torna l’appuntamento settimanale con le certificazioni FIMI (Federazione Industria Musicale Italiana), che per la 51° settimana, escono eccezionalmente di giovedì.

Sono state pubblicate da pochissime ore, tutte le certificazioni FIMI dei singoli e degli album che hanno ottenuto un oro o un platino. Grande successo per Marco Mengoni che con il suo nuovo album “Atlantico”, ottiene in meno di un mese, il disco di platino.

Platino FIMI anche per i Thegiornalisti con “LOVE” e per i Queen con “Greatest Hits II”, complice il bel film su Freddie Mercury, campione di incassi, “Bohemian Rhapsody”.

Tra i singoli certificati questa settimana, troviamo il pezzo più ascoltato di Ed Sheeran, “Thinking out lord” che conquista il settimo disco di platino. Si tratta davvero di un grandissimo traguardo per il cantautore britannico,  con un brano, pensate un po’, del 2014!

Sempre per quando riguarda i singoli, ma in ambito italiano, ottengono il disco d’oro con 25.000 copie: Sfera Ebbasta con “Happy Birthday”, Salmo con “Ricchi e morti” e “La prima volta”, Martina Attili con la sua “Cherofobia” e Ultimo con Peter Pan (Vuoi volare con me?). Disco d’oro anche per Lenny Kravitz con “Low”, Ayo & Teo con “Rolex” e Bob Sinclar con “I Believe”. Disco di platino invece per il singolo di Sfera Ebbasta, “20 collane”.

I FIMI Awards hanno assegnato anche il terzo disco di platino a Coez per la sua “Le luci della città”: pubblicata a luglio di quest’anno come sesto singolo estratto dall’album “Faccio un casino”.

 

In questo articolo, abbiamo stilato la top ten FIMI dei singoli più ascoltati della settimana dal 14 al 20 dicembre.

Tutte le certificazioni di questa settimana e delle precedenti, le trovate sul sito ufficiale della FIMI.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *