Connect with us

Approfondimenti

Kingdom Hearts 3: il titolo KH più ambizioso di sempre, parola di Nomura

Published

on

Un’intervista esclusiva a Tetsuya Nomura, rivela come è stato costruire il mondo di Kingdom Hearts 3. A sua detta, si tratterebbe del capitolo della saga KH più ambizioso di sempre. Scopriamo di più.

Kingdom Hearts: l’impresa di Nomura

kingdom hearts

Prima che Kingdom Hearts venisse annunciato (nel lontano 2001), era impensabile che un colosso come la Disney consegnasse i suoi preziosi personaggio ad una piccola casa di sviluppo giapponese lasciandola, di fatto, libera di utilizzarli a suo piacimento.

Il risultato fu un successo mondiale. Kingdom Hearts era riuscito nell’impresa folle di mettere alcuni dei personaggi simbolo Disney all’interno di un’ambientazione e una storia dal tipico stampo J-RPG.

In un’intervista esclusiva per VG247, Nomura afferma:

“Non ho mai cambiato il mio modo di sviluppare sin dal primo gioco e ho continuato a farlo nello stesso stile di sempre per Kingdom Hearts 3. Le storie di gioco sono il semplice risultato di me che facevo ciò che volevo liberamente.”

Libertà non esattamente il primo termine che verrebbe in mente pensando ad una collaborazione con un’azienda enorme come Disney. Eppure, Nomura, grazie ai tanti giochi di successo da lui sviluppati, è stato in grado di guadagnarsi la fiducia del big americano. In occasione di un evento in occasione del lancio di Kingdom Hearts 3, i rappresentanti Pixar si sono detti entusiasti dell’etica del lavoro di Nomura e del suo team.

“Va da sé che la libertà di movimento che ho su Kingdom Hearts è diversa da quella che ho per altri titoli, perché Disney controlla e verifica in continuazione lo stato dei lavori.” spiega. “Ma in un certo senso, sento che lavorare liberamente all’interno di quei confini abbia prodotto l’equilibrio che abbiamo ora.”

Kingdom Hearts 3: come è cambiato il mondo dei giochi di ruolo

Kingdom Hearts 3

Kingdom Hearts 3 si muoverà in un contesto nettamente diverso da quello dei capitoli precedenti. Dai tempi di Kingdom Hearts 2, infatti, il mondo dei giochi di ruolo è enormemente cambiato. Elder Scrolls è esploso con Skyrim. CD Project Red ha fatto il suo ingresso trionfale nel panorama videoludico mondiale (avete presente The Witcher?). Capcom ha sperimentato con un RPG ad ampio budget (Dragon’s Dogma) ed ha infine raggiunto la vetta grazie al successo di Monster Hunter World. E, a dirla tutta, anche la stessa Square Enix è cambiata notevolmente negli ultimi tempi.

Nomura afferma di non aver mai pensato a come sarebbe stato Kingdom Hearts 3 se fosse stato rilasciato nel corso della precedente generazione di console. La sua squadra, afferma, sta facendo di tutto per assicurarsi che i giocatori che non hanno mai giocato ad un titolo KH o che, nel corso degli anni, hanno dimenticato le esperienze vissute nei precedenti capitoli riescano ad andare avanti.

“Abbiamo incluso diversi elementi in Kingdom Hearts 3 per spiegare la storia e velocizzare l’apprendimento [del mondo di gioco] dei nuovi arrivati, compresa una serie di video che raccontano la storia dall’inizio della serie fino ad ora. Sarei lieto se le persone che hanno giocato Kingdom Hearts 3 si interessino della serie e tornino a giocare anche i capitolo precedenti.”

Kingdom Hearts 3: lo sviluppo del progetto

Kingdom Hearts 3

A conti fatti, Kingdom Hearts 3 ha al suo interno meno mondi di gioco rispetto ai capitoli precedenti ma, come ben visibile dalle demo al momento disponibili alla Gamescom 2018, punta ad un livello di profondità mai visto prima nella serie.

“Il livello dei dettagli è impossibile da confrontare con i giochi precedenti.” afferma Nomura. “Penso che mettendo più enfasi nell’espansione dell’aspetto verticale dei diversi livelli, si dia la sensazione che lo spazio in cui si gioca sia espanso. Non è davvero possibile dire quante volte i mondi sono più grandi rispetto a quelli visti fino ad ora.”

In generale, Kingdom Hearts 3 si presenta come l’evoluzione, intelligente e ben ponderata, delle idee espresse dai suoi predecessori. Aree più grandi, design moderno e un’ampia varietà di mosse sono stati oggetto di grandi riflessioni da parte di Nomura e del suo team di sviluppo.

Tutti questi cambiamenti renderanno Kingdom Hearts 3 un gioco entusiasmante sia per i nuovi arrivati sia per i fan di lunga data. Nomura si dice ben consapevole della difficoltà nel soddisfare questi ultimi: “I fan hanno aspettative ancor più elevate di prima nei confronti degli elementi originali del gioco.”

Ricordiamo, che la saga di Kingdom Hearts si concluderà ufficialmente con questo nuovo capitolo, che uscirà il 25 gennaio su PS4 e Xbox One.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *